direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Rosa dalla paura all’America”, a Marsiglia e Lione lo spettacolo di Nora Picetti

ITALIANE ALL’ESTERO

Il 21 e il 23 marzo

Una “storia vera di migrazione, narrazione e libertà”. Una testimonianza sulla vita quotidiana nella Lombardia post-unitaria, sui grandi flussi migratori e sul ruolo delle donne nei processi d’integrazione

MARSIGLIA/LIONE (Francia)  – “Rosa dalla paura all’America. Una storia vera di migrazione, narrazione e libertà”. E’ lo spettacolo che Nora Picetti con la sua compagnia porterà in scena all’Istituto Italiano di Cultura di Marsiglia il 21 marzo, ore 18.30 ( e con il sostegno del MiBAC e di Siae, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura” , sessione scolastica il 22 marzo alle ore 9.30) e all’Università Jean Moulin di Lione il 23 marzo. ore 15 (organizza l’Istituto Italiano di Cultura di Lione).

Lo spettacolo “Rosa dalla paura all’America” è tratto dall’autobiografia orale di Rosa Cassettari trascritta da Marie Hall Ets. Regia di Nora Picetti e Riccardo Molino. Con la collaborazione artistica di Carlo Boso

Da Cuggiono, un paesino di contadini e filande dell’Altomilanese, alle miniere del Missouri fino alla multietnica Chicago d’inizio Novecento. Un’autobiografia orale pubblicata dall’Università del Minnesota e divenuta un classico della letteratura statunitense sull’immigrazione e sul movimento femminile. Una rara testimonianza sulla vita quotidiana nella Lombardia post-unitaria, sui grandi flussi migratori e sul ruolo delle donne nei processi d’integrazione. Un emozionante percorso di crescita personale, che attraverso l’incontro tra culture e la narrazione autobiografica conduce non alla ricchezza, ma alla liberazione dalla paura. Nora Picetti, nata e cresciuta negli stessi luoghi di Rosa 120 anni più tardi, la rievoca bambina, filatrice, innamorata, madre, migrante e narratrice. Con uno scialle e due cappelli dà corpo ai venti personaggi principali della sua vita, per un “monologo a più voci” intessuto di musica, canti e danze popolari.

Ricerche storiche di Rudolph J. Vecoli (Immigration History Research Centre, University of Minnesota) Ernesto Milani (Lombardinelmondo) Oreste Magni (Ecoistituto della Valle del Ticino) Progetto cofinanziato da Fondazione Ticino Olona Onlus per la ricerca storico-culturale sul territorio e le tradizioni locali. Musica popolare lombarda dei Barabàn Canti delle filande trascritti da Guglielmo Gaviani Audio Francesco Picetti Luci Federico Picetti. Costumi Adua Berselli Prodotto da Associazione Ryto. Lo spettacolo , in lingua italiana, è a ingresso libero. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform