direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Roger Nesti (ECAP): XXI edizione della Settimana della lingua ialiana a Basilea

DANTE 700

I docenti ECAP, nei corsi di lingua e cultura italiana hanno coinvolto le alunne e gli alunni in diverse iniziative volte alla scoperta di Dante l’italiano, della sua vita e del suo verso poetico

BASILEA (Svizzera) – La Settimana della Lingua italiana (SLIM) è un’iniziativa nata nel 2001 in collaborazione con l’Accademia della Crusca, realizzata nella terza settimana di ottobre dalla Rete diplomatico-consolare e degli Istituti Italiani di Cultura, con il sostegno di diversi ministeri italiani e anche del governo svizzero, ha lo scopo di promuovere e celebrare la lingua italiana nel mondo.

La rassegna ogni anno è dedicata a un tema diverso che serve da filo conduttore per un fitto programma di conferenze, mostre e incontri in cui protagonista assoluta diviene il nostro idioma che si arricchisce di sfumature diverse, divenendo, oltre i confini nazionali, lingua del pensiero e della cultura.

Arrivata quest’anno alla sua XXI edizione, la Settimana, svoltasi dal 18 al 24 ottobre 2021, ha avuto come tema “Dante, l’italiano”. Nella ricorrenza del 700esimo anniversario della scomparsa del Sommo Poeta, la rassegna ne ha voluto celebrare l’opera, la parola poetica, la visione del mondo, ma anche l’attualità del pensiero del “padre della lingua italiana” che ha elevato la lingua volgare, popolare, a idioma che ha unito una comunità di parlanti, in una continua tensione verso una lingua da conquistare.

Dalla Commedia, alla produzione poetica stilnovistica, passando attraverso le opere di linguistica, Dante è stato celebrato nei linguaggi diversi della nostra espressione quotidiana, dall’immagine multimediale al fumetto come alla canzone: il Sommo poeta, dunque, tra le righe e le parole, nelle caselle della nostra vita di tutti i giorni.

Nella cornice delle attività che in tutto il mondo hanno celebrato la XXI edizione della SLIM, i docenti ECAP, nei corsi di lingua e cultura italiana della circoscrizione di Basilea, hanno coinvolto le alunne e gli alunni in diverse iniziative volte alla scoperta di Dante l’italiano, della sua vita e del suo verso poetico.

Di seguito alcune delle attività più significative che hanno interessato le allieve e gli allievi.

“Per me si va ne la città dolente” con il primo verso dell’iscrizione posta sulla sommità della porta infernale, inizia il viaggio alla scoperta della Divina Commedia nei corsi secondari di Wohlen, guidato dall’insegnante Francesca Casada. Un percorso facilitato che ha presentato alle allieve agli allievi la vita e la produzione poetica di Dante Alighieri attraverso la sua opera principale: il racconto immaginario di un viaggio che il poeta stesso compie nei tre mondi dell’al di là. Attraverso parole e immagini il viaggio dantesco della Commedia viene elaborato dagli alunni che riescono a far proprio quel passaggio dalla selva oscura dell’antinferno alle stelle e ai cieli dell’ultima cantica, il Paradiso: “E quindi uscimmo a riveder le stelle”.

Gli alunni dei corsi primari di Arlesheim, Basilea e Reinach, guidati dall’insegnante Concetta Iannazzone, hanno, invece, esplorato la Commedia dantesca attraverso la lettura, in chiave umoristica, de La Felina Commedia (Elisa Binda, Mattia Perego, Beatrice Tinarelli (Einaudi Ragazzi, 2021).

Un racconto originale e adatto ad un pubblico di giovanissimi, capace di traslare il viaggio condotto da Dante e Virgilio in un’appassionata avventura che vede protagonisti dei simpatici felini. Il Sommo Poeta, per le piccole alunne e alunni, diviene per l’occasione un micione dal pelo rosso, con grandi occhi azzurri, che nel mezzo del cammin di sette vite finisce per ritrovarsi in una selva oscura senza via d’uscita. Per sua fortuna incontra il gatto Virgilio, poeta, autore della Gatteide, che lo guiderà in un viaggio incredibile che gli farà conoscere le pene, le espiazioni e il meritato premio riservati ai gatti, biricchini sì, ma anche obbedienti.

Nei corsi primari di Dättwill, le alunne e gli alunni, sotto la guida dell’insegnante Giacoma Lucifora, hanno esplorato il tempo e il contesto in cui è maturato Dante e con lui la sua produzione poetico-letteraria.

Dal matrimonio con Gemma Donati all’amore platonico verso Beatrice, la donna-angelo “tanto gentile e tanto onesta” dalla breve e sfortunata vita terrena a cui il poeta donerà esistenza eterna narrandone l’incontro alle porte del Paradiso.

Ma ancora, l’esilio che condurrà il poeta alla scoperta di diverse città italiane per quell’amor della politica che tanto ha appassionato le alunne e gli alunni di Dattwill e che al Papà della lingua italiana hanno dedicato un prezioso tema.

Nei corsi secondari di Mellingen, l’insegnante Maria Ferreri ha presentato l’opera dantesca, attraverso una riflessione sulla lingua italiana e sull’attualità e permanenza di alcuni termini e locuzioni, coniate dal Sommo Poeta e che arricchiscono tutt’oggi il nostro idioma.

Da “fertile” a “mesto” e “molesto” fino a famose espressioni acquisite in maniera permanente nel vocabolario di base di ogni parlante italiano.

Le alunne e gli alunni si sono misurati con locuzioni quali “far tremare le vene e i polsi”, “non ti curar di loro, ma guarda e passa” fino a “galeotto fu il libro e chi lo scrisse…”, scoprendone la storia retrostante, come quella straziante, quanto tristemente moderna, dell’amore passionale di Paolo e Francesca.

Un percorso linguistico attraverso i versi di Dante che conferma quanto il padre della lingua italiana fornisca tutt’oggi materia viva, non solo al parlare e allo scrivere, ma anche e soprattutto all’evoluzione del pensiero e della cultura italiani di cui una lingua in movimento ne è massima espressione.

E se l’insegnamento delle lingue permette di disegnare e scoprire mondi nuovi, il viaggio condotto, nella cornice della XXI Settimana della Lingua Italiana, dalle allieve e allievi dei corsi LICIT sotto la guida degli insegnanti ECAP, conferma l’attualità del messaggio del Sommo Poeta: “Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza”. (Roger Nesti /Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform