direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Riunione dei Paesi del gruppo “Uniting for Consensus”

ONU

Oggi a New York, per valutare lo stato del processo di riforma del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

 

I Paesi del gruppo UfC invitano gli altri Paesi “a esplorare l’idea di creare seggi non permanenti a più lungo termine, assegnati ai gruppi regionali delle Nazioni Unite e con la possibilità di una rielezione immediata, insieme ad un aumento di altri seggi non permanenti”

NEW YORK – I Ministri dei Paesi appartenenti al gruppo “Uniting for Consensus” (UfC) hanno avuto oggi a New York una riunione per valutare lo stato del processo di riforma del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

“Gli ultimi round negoziali che si sono svolti nel 2019 hanno confermato – si legge in una nota diffusa al termine dell’incontro ministeriale presieduto dal ministro degli Esteri Luigi di Maio – l’esistenza di crescenti aree di convergenza, ma anche la persistenza di opinioni divergenti sugli aspetti chiave della riforma. Desiderosi di ottenere risultati in questo processo, i Paesi del gruppo UfC ribadiscono che il Negoziato Inter-Governativo (IGN) rimane l’unica cornice legittima per discutere la riforma del Consiglio di Sicurezza, in piena trasparenza e con la partecipazione di tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite.

A tal fine, i Ministri del gruppo UfC ribadiscono la necessità e l’urgenza che gli Stati membri delle Nazioni Unite concordino su un modello di riforma in grado di rendere il futuro e più ampio Consiglio di Sicurezza più democratico, responsabile, rappresentativo, trasparente ed efficace, ribadendo che la creazione di nuovi seggi permanenti ostacolerebbe il raggiungimento di questi obiettivi.

I Ministri del gruppo UfC invitano pertanto tutti gli Stati membri a continuare a impegnarsi costruttivamente nella ricerca di una soluzione di compromesso giusta ed equa che soddisfi l’interesse collettivo di tutti i 193 Membri delle Nazioni Unite, ottenendo il più ampio sostegno politico possibile. I Paesi del gruppo UfC invitano gli altri Paesi a esplorare l’idea di creare seggi non permanenti a più lungo termine, assegnati ai gruppi regionali delle Nazioni Unite e con la possibilità di una rielezione immediata, insieme ad un aumento di altri seggi non permanenti. I Ministri del gruppo UfC ritengono che questa proposta possa essere la base per una possibile soluzione in grado di soddisfare le legittime aspirazioni di quei Paesi che desiderano contribuire regolarmente al mantenimento della pace e della sicurezza internazionali, oltre a fornire migliori opportunità agli Stati più piccoli. I Paesi del gruppo UfC ribadiscono il loro pieno sostegno per un impegno costruttivo continuo.

Durante l’incontro, il Gruppo UfC ha discusso possibili idee concrete per la sua azione futura, al fine di migliorare ulteriormente il contributo del Gruppo per realizzare una riforma efficace delle Nazioni Unite a beneficio dell’intera membership delle Nazioni Unite”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform