direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Ripreso alla Commissione Esteri della Camera il dibatto sulla proposta di legge Ricciardi per la destinazione agli uffici diplomatici e consolari di quota dei proventi derivanti dal rilascio dei passaporti all’estero

CAMERA DEI DEPUTATI

Fissato al 22 febbraio il termine ultimo per presentare proposte emendative

 

ROMA – La Commissione Esteri della Camera ha proseguito l’esame della proposta di legge (Toni Ricciardi e altri), riguardante la proposta di destinazione agli uffici diplomatici e consolari di una quota derivante dai proventi di suddetta operazione. Il Presidente della Commissione, Giulio Tremonti, ha ricordato l’audizione in proposito del Sottosegretario agli Esteri, Giorgio Silli, avvenuta nel mese scorso. Il deputato Fabio Porta (PD – ripartizione America Meridionale) ha ribadito l’importanza del provvedimento in esame: secondo Porta l’obiettivo è quello di rafforzare la rete consolare, tenendo conto del significativo incremento del numero di connazionali all’estero e della necessità di erogare servizi in maniera puntuale ed efficiente. Rilevando che nel corso della citata audizione del sottosegretario Silli è emerso un parere sostanzialmente favorevole da parte dell’esecutivo, Porta ha auspicato che la Commissione possa procedere celermente nell’esame della proposta di legge. La deputata eletta all’estero Federica Onori (Azione) ha chiesto al rappresentante del Governo se sia in grado di fornire le informazioni, più volte richieste, circa la quota di personale interinale assunto nelle diverse sedi consolari, le mansioni da esso svolte e la proporzione con il personale a contratto ed il personale di ruolo. Silli ha precisato che, benché il dato complessivo debba essere ancora elaborato, è possibile anticipare i dati concernenti alcune singole sedi consolari. Onori ha ribadito l’esigenza di ricostruire un quadro generale della situazione, auspicando che il Ministero sia in grado di fornire almeno i dati relativi ad un campione rappresentativo di sedi consolari. La deputata ha espresso, altresì, rammarico per la mancata audizione, nel corso del ciclo istruttorio, di alcuni consoli generali che avrebbero potuto offrire importanti spunti di riflessione sul piano operativo. Silli ha replicato sostenendo che la decisione sui soggetti da portare in audizione è rimessa alla discrezionalità della Commissione. Tremonti ha quindi dichiarato concluso l’esame preliminare del provvedimento, fissando al 22 febbraio il termine ultimo per presentare proposte emendative e rinviando il seguito dell’esame ad altra seduta. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform