direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Ripensare sul piano urbanistico e sociale Lampedusa, come porta d’Europa

FONDAZIONE MIGRANTES

Conclusa la visita del presidente Francesco Montenegro e del direttore generale Giancarlo Perego

Ripensare sul piano urbanistico e sociale Lampedusa, come porta d’Europa

 

ROMA –  Il Presidente della Fondazione Migrantes,  Mons. Francesco Montenegro, e il Direttore generale, Mons. Giancarlo Perego, hanno concluso la loro visita a Lampedusa, al largo della quale si è consumata la tragedia della morte in mare di oltre 300 migranti e di  almeno 60 dispersi. La visita ha coinciso con l’incontro delle Caritas diocesane di Sicilia e di Caritas Italiana.

 Mons. Montenegro, durante la visita  e l’incontro con gli operatori Caritas, ha sottolineato  la necessità di leggere la storia e di raccogliere ‘il grido di Dio’ e le lacrime segno della violenza e della morte che subiscono i nostri fratelli e sorelle migranti. Al tempo stesso, il Presidente ha esortato a condividere questo dolore insieme alla comunità ecclesiale e civile dell’Isola, che  ha regalato segni stupendi di solidarietà, che dobbiamo sostenere e rafforzare.

Il Direttore generale della Migrantes, nel suo intervento alla tavola rotonda su ‘Lampedusa, terra di confine’, presenti il vicesindaco e l’assessore ai servizi sociali di Lampedusa e della regione Sicilia, ha invitato i presenti a considerare sì Lampedusa quale terra di confine dell’Italia e dell’Europa, ma con l’intento di superare il concetto di confine come barriera e di considerarlo come strada da cui passano molte persone e famiglie per raggiungere altri Paesi e tutelare la propria libertà e la propria vita. Questo fa sì che Lampedusa debba rileggere la vocazione della propria identità quale isola e città, a partire dai luoghi fondamentali: il porto, la piazza, l’ambiente, la scuola, il Centro di accoglienza, i luoghi di incontro e di vita, ma che debba ripensare anche la propria cultura a partire da questo incontro con altre persone, oggi in cammino da 200 Paesi del mondo, migranti economici, rifugiati e vittime di tratta. Il Direttore ha concluso il suo intervento ricordando l’importanza di azioni immediate (come la nascita condivisa da Caritas e Migrantes di un Centro operativo per i volontari a Lampedusa, la presentazione a Lampedusa del prossimo Rapporto sull’immigrazione e sui rifugiati di Caritas Italiana e Fondazione Migrantes, l’attenzione alle famiglie  con minori e ai minori non accompagnati presenti nel Centro, la realizzazione di un progetto  di cooperazione internazionale della comunità di Lampedusa). Si tratta di azioni a medio termine (dare strumenti nuovi di qualità di accoglienza  e di vita agli isolani che vi abitano o arrivano, con l’attenzione a potenziare la scuola, i luoghi della tutela della salute), a lungo termine (un piano regolatore urbanistico e sociale per l’isola, con  il contributo di  alcuni grandi architetti italiani ed europei, la valutazione di gestire direttamente come città di Lampedusa il Centro di accoglienza, oltre che il suo rinnovo strutturale).

La Migrantes auspica che questa tragedia, che ha segnalato profondamente la necessità della costruzione di una Casa comune europea anche a partire dal fenomeno delle migrazioni, diventi il punto di partenza per un impegno comune, di istituzioni e società civile, perché un’isola, porta d’Europa, sia messa nelle condizioni di accompagnare e accogliere chi inizia un viaggio di navigazione nel Mediterraneo.(Migrantes online/Inform)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform