direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

ReteDonne – coordinamento donne italiane all’estero , l’appello a non modificare la legge 194

ASSOCIAZIONI

 

AMBURGO – In un appello congiunto le associazioni ReteDonne e V – coordinamento donne italiane all’estero e ReteDonne Paesi Bassi chiedono al Governo italiano di riconsiderare l’emendamento approvato in prima lettura alla Camera, che permette alle realtà del terzo settore, che abbiano una qualificata esperienza a sostegno della maternità, di avere un ruolo attivo nei consultori. Una norma che per le associazioni ReteDonne consentirebbe ai sodalizi Pro vita di operare all’interno dei consultori , non in linea con il principio di imparzialità della legge 194 sull’interruzione della gravidanza.  “La Legge 194, fondamentale per la salute e l’autodeterminazione delle donne, venne scritta per legalizzare l’accesso all’aborto, ma anche per accompagnare e affiancare le donne verso una maternità consapevole, attraverso informazioni neutre e scientifiche”, si sottolinea nell’appello, firmato dalla presidente  di ReteDonne e.V. – coordinamento donne italiane all’estero Luciana Mella, e dalla coordinatrice di ReteDonne – Paesi Bassi, Letizia Maulà. Nel testo si segnala inoltre che in Germania, “una commissione istituita dal Governo consiglia di rendere legali le interruzioni di gravidanza nelle prime dodici settimane, aprendo un nuovo dibattito per la totale depenalizzazione dell’aborto” , e quanto succede nei Paesi Bassi, “che restano una delle nazioni tra le più virtuose in Europa nella difesa del diritto all’aborto”,  dove si fornisce “alle donne tutta l’assistenza prima e dopo l’intervento”. In proposito, nell’appello viene anche ricordato il voto favorevole del Parlamento europeo all’inserimento dell’interruzione di gravidanza nella Carta dei diritti fondamentali dell’Ue. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform