direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Referendum costituzionale, i parlamentari Pd La Marca e Cociancich a Toronto e Vancouver per la campagna a sostegno del Sì

 

ITALIANI ALL’ESTERO

 

 

ROMA – Continua l’intenso impegno dell’on. Francesca La Marca (Pd)  in Canada – informa una nota della segreteria –  per la campagna referendaria a sostegno dell’approvazione della riforma costituzionale , già votata sei volte dal Parlamento. Nella scorsa settimana  è stato in Canada anche sen. Roberto Cociancich, coordinatore nazionale della campagna del Pd per il referendum confermativo, che assieme alla parlamentare italo-canadese ha partecipato a due iniziative di dialogo con gli elettori, a Toronto e a Vancouver.

Lunedì 3 ottobre, all’incontro organizzato dalla segreteria del Pd Canada e dal circolo di Toronto, prima dell’intervento di Cociancich, hanno portato il loro saluto il segretario del Pd Canada e il segretario del circolo cittadino e ha preso la parola l’on. La Marca.

Nel suo intervento, la parlamentare eletta nella circoscrizione Estero-rip. Nord e Centro America ha insistito soprattutto sulle ragioni specifiche che dovrebbero indurre i cittadini italiani all’estero e, in particolare, gli elettori residenti in Canada ad esprimere un Sì per la riforma. Essa, infatti, contro i “consigli” dei cosiddetti “saggi” e l’orientamento espresso dall’allora ministro Quagliariello, conferma pienamente la circoscrizione Estero e i 12 deputati da eleggere alla Camera.

“In questo modo – ha affermato La Marca – il riconoscimento di piena cittadinanza degli italiani all’estero viene non soltanto ribadito, ma rafforzato. I 12 eletti all’estero presenti nella nuova Camera, infatti, parteciperanno di pieno diritto, con il loro voto di fiducia, alla nascita e alla vita del governo nazionale, nonché alle decisioni fondamentali dello Stato, sia sul piano delle decisioni politiche che su quello dell’adozione delle leggi”.

A sua volta, il sen. Cociancich ha diffusamente illustrato le scelte di riforma basilari contenute nel testo, insistendo sugli effetti di semplificazione dei processi decisionali a livello parlamentare, sulla maggiore stabilità delle maggioranze e sulla maggiore efficacia dell’azione di governo, sulla diminuzione del numero dei parlamentari, attualmente pletorico, sul contenimento dei costi e sull’abolizione di alcuni enti inutili.

L’incontro si è concluso con gli interventi e il dibattito dei presenti.

Mercoledì 5 ottobre, il sen. Cociancich e l’on. La Marca si sono trasferiti a Vancouver, dove la parlamentare ha visitato la sede dell’Inca, diretta dal consigliere CGIE Rocco Di Trolio, e ha avuto contatti con diversi membri della comunità.

In serata si è svolto il confronto sul referendum, coordinato dallo stesso Di Trolio, che ha visto i due parlamentari del Pd impegnati a sostenere le ragioni del Sì e il dott. Ernesto Salvi quelle del No.

L’on. La Marca, dopo avere espresso la sua convinzione che la riforma, con l’eliminazione del bicameralismo paritario, semplifica e velocizza i procedimenti normativi, ha chiarito che l’eliminazione dei sei senatori eletti all’estero dipende dalla trasformazione del ruolo del Senato, che diventa Camera di rappresentanza dei territori, e dall’impossibilità di concepire un territorio da rappresentare grande quanto il mondo.

La parlamentare ha aggiunto poi una considerazione positiva sul fatto che nella riforma si preveda una migliore possibilità di coordinamento tra lo Stato e le Regioni, soprattutto in materia di promozione turistica e commerciale all’estero, in modo da evitare le sovrapposizioni e gli sprechi di cui tante volte le stesse comunità sono state testimoni.

L’incontro – conclude la nota – ha avuto alla fine un appassionato dibattito, al quale hanno partecipato sia esponenti dell’emigrazione più consolidata che delle nuove mobilità. (Inform) 

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform