direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Racconto degli Italiani nel Mondo. RIM JUNIOR 2017”

ITALIANI ALL’ESTERO

In un volume promosso dalla Fondazione Migrantes l’emigrazione italiana raccontata i ragazzi attraverso la storia del cibo e dei mestieri all’estero

 

La pubblicazione sarà presentata il 13 dicembre presso l’Istituto comprensivo “Antonio Gramsci” di Roma . All’incontro parteciperanno la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli e mons. Guerino Di Tora, presidente della Fondazione Migrantes, mons. Pierpaolo Felicolo, direttore regionale Migrantes Lazio, e l’autrice Daniela Maniscalco, insegnante presso la Dante Alighieri – Comitato Lussemburgo

 

ROMA – La mobilità italiana raccontata attraverso la storia del cibo e dei mestieri all’estero. È questo il tema del volume il Racconto degli Italiani nel Mondo. RIM JUNIOR 2017 che si propone di narrare ai giovani la storia e l’attualità dell’emigrazione italiana nel mondo .

Leggendo il testo, promosso dalla Fondazione Migrantes e di cui è autrice la prof.ssa Daniela Maniscalco, insegnante presso la Dante Alighieri-Comitato Lussemburgo, si scopriranno le origini nordafricane della nostra italianissima pasta, le avventure della pizza in giro per il mondo, la lunga storia d’amore tra gli italiani e il caffè, le peripezie dei piccoli arpisti girovaghi e degli impavidi orsanti e scimmianti. E, inoltre, si verrà a conoscenza del perché nobili e benestanti europei amavano ricorrere a vetrai, marmisti e riquadratori del nostro Paese e i pittori e gli scultori inglesi dell’Ottocento non potevano fare a meno di modelli e modelle italiane per le loro opere.

In un momento storico in cui l’arrivo di migranti in Europa, e in Italia in particolare, crea tensioni e preoccupazione è importante mostrare ai giovani l’aspetto speculare dell’immigrazione in Italia, quello dell’emigrazione degli italiani che, per secoli e fino ai giorni nostri, ci ha visto protagonisti di un importante flusso migratorio in tutto il mondo, sottolinea la Fondazione Migrantes.

Scritto in un linguaggio semplice e accattivante, dotato di una bella veste grafica e ricche illustrazioni, il Racconto degli Italiani nel Mondo. RIM JUNIOR 2017. Le Migrazioni italiane nel Mondo raccontate ai ragazzi utilizza il QR code che rimanda a contenuti aggiuntivi online (video, testi, pagine internet) per l’approfondimento del tema.

I percorsi didattici del RIM sono molteplici e il giovane lettore potrà avventurarsi in solitario alla scoperta della storia dell’emigrazione italiana o sotto la guida dell’insegnante insieme a tutta la classe.

La veste grafica del volume ha visto la collaborazione come art director di Mirko Notarangelo, presidente dell’Associazione Mamapulia mentre i testi hanno avuto la supervisione scientifica della curatrice del Rapporto Italiani nel Mondo della Fondazione Migrantes Delfina Licata.

Il Racconto Italiani nel Mondo 2017, della Fondazione Migrantes, sarà presentato a Roma, nell’Istituto comprensivo “Antonio Gramsci”, mercoledì 13 dicembre dalle 10.00 alle 12.30. I ragazzi della scuola esporranno i loro lavori ispirati ai temi del libro alla presenza della ministra dell’Istruzione, Università e Ricerca, sen. Valeria Fedeli, di mons. Guerino Di Tora, presidente della Fondazione Migrantes, di mons. Pierpaolo Felicolo, direttore regionale Migrantes Lazio, e dell’autrice prof.ssa Daniela Maniscalco, insegnante presso la Dante Alighieri – Comitato Lussemburgo. A coordinare i lavori, Donatella Trotta, giornalista de Il Mattino e vicepresidente Ucsi (Unione Cattolica Stampa Italiana).

Si tratta di una “presentazione al contrario”: saranno gli alunni a presentare il RIM Junior al pubblico attraverso lavori realizzati a partire dalla lettura e dallo studio del volume. Dopo la presentazione dei lavori si aprirà un dibattito e, ancora una volta, saranno gli alunni di questa scuola della periferia romana a intervistare e porre quesiti alle personalità presenti. Un’occasione di conoscenza e confronto innovativa nella quale i veri protagonisti saranno gli studenti stimolati da quello che la Fondazione Migrantes vuole che sia uno strumento culturale utile e adeguato all’attuale momento storico vissuto dal nostro Paese che è fatto, al pari di ciò che si vive su scala planetaria, di flussi migratori in entrata e in uscita, di processi umani sempre più caratterizzati da partenze e da arrivi nell’ambito di una libera circolazione raggiunta con grandi sacrifici.

“C’è chi dice che il segreto durante i viaggi è avere “occhi nuovi” – si legge nella presentazione del testo rivolta ai ragazzi – essere pronti cioè ad essere stupiti da ciò che lo sguardo incontra, ed è questo quello mi piacerebbe che voi riusciate a realizzare: fatevi stupire dalla mobilità italiana!”. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform