direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Quinto Concorso internazionale di composizione “Antonio Smareglia”

MUSICA

Scadenza del bando: 31 maggio 2018

 

 

UDINE – Quinta edizione del concorso internazionale di composizione “Antonio Smareglia”.  Bandisce il concorso l’Accademia di Studi Pianistici “Antonio Ricci”, in collaborazione con la Casa Musicale Sonzogno di Milano, l’Archivio Smaregliano di Udine, il Teatro Nuovo “Giovanni da Udine” e il Conservatorio Statale di musica “Jacopo Tomadini” di Udine. Con il  sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, del Comune di Udine, della Fondazione Friuli, della Fondazione Carigo e della Società Filologica Friulana.

Il concorso è diviso in due sezioni: composizioni per pianoforte solo; composizioni per una voce e pianoforte .

Per la quinta edizione del concorso, è istituito un premio speciale che sarà assegnato ad una composizione per voce e pianoforte, con testo in lingua friulana.

Possono partecipare al concorso i compositori di tutte le nazionalità, senza alcun limite d’età. Le opere presentate potranno essere già state eseguite, ma dovranno essere inedite e mai premiate né segnalate in altri concorsi.

Scadenza per l’invio delle partiture : 31 maggio 2018 .

Il concorso è segnalato dall’Ente Friuli nel Mondo. (Bando alla pagina web .friulinelmondo.com/wp-content/uploads/2018/04/5-Concorso-Internazionale-Antonio-Smareglia-ita-eng.pdf)

Antonio Smareglia (Pola, 5 maggio 1854 – Grado, 15 aprile 1929) fu uno dei più importanti compositori di area mitteleuropea. Durante la sua giovinezza fu a contatto sia con l’ambiente musicale viennese sia con la scapigliatura milanese: nelle sue opere si fondono elementi stilistici germanico-danubiani, reminiscenze slave e la migliore tradizione del lirismo italiano. Tra i titoli più importanti: Il vassallo di Szigeth (Vienna, 1889), Nozze istriane (Trieste, 1895), La Falena (Venezia, 1897), Oceana (Milano, 1903), Abisso (Milano, 1914), Pittori fiamminghi (Trieste, 1928). Fu rappresentato nei maggiori teatri del mondo (La Scala di Milano, il Metropolitan di New York, Praga, Dresda, Vienna, Zagabria, Pola e Trieste) con la direzione dei più famosi maestri (da Toscanini a Richter, da Strauss a Gavazzeni) ed ebbe l’apprezzamento dei più grandi musicisti e musicologi dell’epoca, fra cui Johannes Brahms ed Eduard Hanslick. Fu anche apprezzato autore di musica pianistica e di liriche per canto e pianoforte. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform