direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Quattro incontri sui quattro verbi di papa Francesco per l’azione della Chiesa a favore dei migranti

MONDO SCALABRINIANO

Giornate SIMI 2018, il ciclo si apre il 22 febbraio

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare

ROMA – Il Messaggio per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato 2018 chiama la comunità cristiana e la società intera a quattro azioni concrete per affrontare il fenomeno migratorio: accogliere, proteggere, promuovere e integrare. Attorno a esse lo Scalabrini International Migration Institute (SIMI) ha organizzato, presso la Pontificia Università Urbaniana in Roma (PUU), le Giornate SIMI 2018: un ciclo di conferenze pubbliche con esperti in ambito migratorio.

«Di fronte al crescente fenomeno della mobilità umana, espresso nelle sue forme più rappresentative dai migranti e rifugiati, si richiede un accompagnamento sistematico, specialistico e interdisciplinare sul tema», sottolinea padre Aldo Skoda, preside del SIMI, l’istituto accademico internazionale incorporato presso la Pontificia Università Urbaniana. «Appare sempre più urgente estendere l’attenzione alle cause spesso strutturali che sono alla base delle diseguaglianze sociali, squilibri economici, proliferazione di conflitti», aggiunge padre Skoda.

Quattro giornate promosse per «superare un discorso di opportunità che produce spesso azioni anche politiche di corto respiro e crea una narrativa che rasenta a volte il pregiudizio, il razzismo e la discriminazione», evidenzia padre Skoda. Un contributo offerto dal SIMI per coniugare la dignità della persona e il bene comune, una sfida concreta per la società e un mezzo per superare paure e derive populiste.

Se il messaggio del pontefice esprime in forma chiara la continua sollecitudine della Chiesa e di papa Francesco verso i fenomeni della mobilità umana, in particolare verso le persone in essi coinvolte, «il SIMI – conclude padre Skoda – intende approfondire il significato teologico-pastorale di ciascun verbo/azione, unito alla comprensione sociale e le sue implicazioni nel campo della promozione dei diritti e della convivenza. Ogni volta verranno inoltre presentate realtà che si distinguono particolarmente per aver dato una risposta concreta e positiva nell’ambito della mobilita umana».

Il ciclo si apre il 22 febbraio 2018 alle 16,00 con il primo verbo: “Accogliere”. Interverranno padre Fabio Baggio (sottosegretario della Migrants & Refugees Section del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale), la prof.ssa Sandra Mazzolini (docente della Pontificia Università Urbaniana) e il prof. Antonio Silvio Calo (esperienza di accoglienza in famiglia a Treviso). (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform