direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Quando le ferite sono invisibili. Vittime di tortura e di violenza: strategie di cura”

CARITAS DI ROMA

Il 5 novembre, dalle ore 9 alle 13, la presentazione del libro della Caritas di Roma con il ministro della Salute Beatrice Lorenzin presso il Teatro delle Case Famiglia di Villa Glori

 

ROMA – «Quando le ferite sono invisibili. Vittime di tortura e di violenza: strategie di cura» è il seminario di studio che la Caritas di Roma propone il prossimo 5 novembre presso il teatro della Casa Famiglia “Villa Glori”, in Viale di Villa Glori, 27. L’incontro sarà l’occasione per presentare il libro-rapporto sul lavoro svolto dall’organizzazione cattolica in questi anni.

Il testo presenta le difficili esperienze, i bisogni di salute e le possibilità di cura dei migranti vittime di violenze intenzionali. Spesso sono profughi che arrivano in Italia da diversi luoghi di crisi geopolitica del mondo. Molti di loro hanno sofferto violenze o torture, cui spesso si sono accompagnate esperienze traumatiche legate ai difficili percorsi migratori.

Dal primo gennaio al 30 settembre di quest’anno nel nostro paese sono sbarcate quasi 140 mila persone, i più intercettati dall’operazione Mare Nostrum. Il 23,5% sono siriani e il 23,4% eritrei. Ad oggi i minori non accompagnati sbarcati e dichiaratisi tali sono circa 11.500 (28,5% eritrei, 16,1% egiziani, il 9,5% somali). In questi mesi, l’ennesima “emergenza” ha concentrato l’attenzione sulle difficoltà di accoglienza e, in ambito sanitario, è stato enfatizzato dai media e da alcune forze politiche un presunto rischio di infezioni e non la necessità di avviare percorsi di reale tutela anche dal punto di vista psico-sociale.

Nel libro sono descritti i principali problemi psichici che possono svilupparsi in particolare tra chi scappa da guerre e persecuzioni, basati su una revisione della letteratura scientifica, sull’esperienza clinica degli operatori del servizio Ferite invisibili della Caritas di Roma e sui risultati dell’attività di ricerca condotta dallo stesso gruppo.

Con inizio alle ore 9, sono previsti gli interventi, tra gli altri, di: Beatrice Lorenzin ministro della Salute, mons. Enrico Feroci direttore Caritas di Roma, Daniela Pezzi presidente Consulta Regione Lazio sulla salute mentale, Helena Behr UNHCR, Daniela Di Capua direttrice del Servizio centrale dello SPRAR), Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas Roma), mons. Andrea Manto direttore Ufficio Pastorale Sanitaria Diocesi di Roma. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform