direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Pubblicato sulla  Gazzetta Ufficiale il Decreto interministeriale Lavoro-Economia sulla determinazione delle  retribuzioni convenzionali 2021 per i lavoratori all’estero

ITALIANI ALL’ESTERO

 

 

ROMA – Pubblicato sulla  Gazzetta Ufficiale del 7 aprile 2021 (Serie Generale n.83) il Decreto interministeriale Lavoro-Economia del 23 marzo scorso contenente la determinazione delle  retribuzioni convenzionali 2021 per i lavoratori all’estero.

Nell’atto si legge che “a decorrere dal periodo di paga in corso dal 1° gennaio 2021 e fino a tutto il periodo di  paga in corso al 31 dicembre 2021, le retribuzioni convenzionali da prendere a base per il calcolo dei contributi dovuti per le assicurazioni obbligatorie dei lavoratori italiani operanti all’estero” sono “stabilite per ciascun settore”, dalle  “tabelle che costituiscono parte integrante” del decreto stesso. (Per consultare le tabelle cliccare caricaPdf (gazzettaufficiale.it).

Di seguito il testo del Decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 

“Il Ministro del Lavoro  e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze

Visti gli articoli 1 e 4 del decreto-legge 31 luglio 1987, n.  317, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 ottobre  1987,  n.  398, concernenti le assicurazioni sociali obbligatorie  per  i  lavoratori italiani operanti all’estero ed il sistema  di  determinazione  delle relative contribuzioni secondo retribuzioni convenzionali da  fissare annualmente, con decreto del Ministro del lavoro  e  delle  politiche sociali di concerto con il Ministro dell’economia  e  delle  finanze, con riferimento, e comunque in misura  non  inferiore,  ai  contratti collettivi nazionali di categoria raggruppati per settori omogenei;

Visto l’art. 51, comma 8-bis, del testo  unico  delle  imposte  sui redditi, approvato con decreto del  Presidente  della  Repubblica  22 dicembre 1986, n. 917, che prevede  l’utilizzazione,  anche  ai  fini

fiscali, delle retribuzioni convenzionali di cui al decreto-legge  31 luglio 1987, n. 317, convertito, con  modificazioni,  dalla  legge  3 ottobre 1987, n. 398, per la determinazione  del  reddito  di  lavoro dipendente prestato all’estero;

Visto l’art. 4 della legge 30 dicembre 1991,  n.  426,  concernente modalità per la determinazione delle basi retributive  al  fine  del computo dell’indennità ordinaria di disoccupazione per i  lavoratori

italiani rimpatriati;

Visto l’art. 6 del decreto legislativo 2  settembre  1997,  n.  314 che, nel modificare l’art. 12, comma 8 della legge 30 aprile 1969, n. 153,  ha  confermato  le  disposizioni  in  materia  di  retribuzioni convenzionali previste per determinate categorie di lavoratori per la determinazione del reddito da lavoro dipendente ai fini contributivi;

Considerato il  decreto  interministeriale  dell’11  dicembre  2019 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica  italiana  n.  5 dell’8 gennaio 2020,  relativo  alla  determinazione  delle  predette retribuzioni convenzionali dal periodo di paga in corso al 1° gennaio 2020 e fino a tutto il periodo di paga in corso al 31 dicembre 2020;

Considerati i contratti collettivi nazionali di  lavoro  in  vigore per le diverse categorie,  raggruppati  per  settori  di  riscontrata omogeneità;

Tenuto conto delle proposte formulate  da  FNSI  con  nota  del  28 gennaio 2021, da UGL con nota del 28 gennaio 2021,  da  CONFETRA  con nota del 28 gennaio 2021, da ENPAIA con nota del 29 gennaio 2021,  da ABI con nota del 1° febbraio 2021, da ANITA con nota del 1°  febbraio 2021, da CONFSAL con nota del 4 febbraio  2021,  da  Confartigianato, CNA, Casartigiani  e  C.L.A.A.I.,  con  nota  del  4  febbraio  2021, dall’INPS in sede di Conferenza di servizi,  nonché  degli  elementi

pervenuti dall’ISTAT con nota del 29 gennaio 2021;

Ritenuta  la  necessità  di  provvedere,  per  l’anno  2021,  alla determinazione delle retribuzioni  in  questione,  anche  sulla  base delle risultanze della Conferenza  di  Servizi,  convocata  ai  sensi dell’art. 14 della legge n. 241 del 1990 e  successive  modificazioni ed integrazioni, svoltasi l’8 febbraio 2021;

Decreta:

 Art. 1

 Retribuzioni convenzionali

A decorrere dal periodo di paga in corso dal 1° gennaio 2021 e fino a tutto il  periodo  di  paga  in  corso  al  31  dicembre  2021,  le  retribuzioni convenzionali da prendere a  base  per  il  calcolo  dei

contributi dovuti per le assicurazioni  obbligatorie  dei  lavoratori italiani operanti all’estero ai sensi  del  decreto-legge  31  luglio 1987, n. 317, convertito, con modificazioni, dalla  legge  3  ottobre 1987, n. 398, nonché per il calcolo delle  imposte  sul  reddito  da lavoro dipendente, ai sensi dell’art. 51, comma 8-bis del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n.  917,  sono  stabilite  nella  misura risultante,  per  ciascun   settore,   dalle   unite   tabelle,   che costituiscono parte integrante del presente decreto.

Art. 2

Fasce di retribuzione

Per i lavoratori per i quali sono previste fasce  di  retribuzione, la retribuzione convenzionale imponibile è  determinata  sulla  base del raffronto con la fascia di retribuzione nazionale corrispondente, di cui alle tabelle citate all’art. 1.

Art. 3

Frazionabilità delle retribuzioni

I valori  convenzionali  individuati  nelle  tabelle,  in  caso  di assunzioni, risoluzioni del rapporto di lavoro,  trasferimenti  da  o per l’estero, nel corso del  mese,  sono  divisibili  in  ragione  di ventisei giornate.

Art. 4

Trattamento di disoccupazione per i lavoratori rimpatriati

Sulle retribuzioni convenzionali di cui all’art. 1 va liquidato  il trattamento ordinario di  disoccupazione  in  favore  dei  lavoratori italiani rimpatriati.

Il presente decreto è  pubblicato nella  Gazzetta  Ufficiale  della Repubblica italiana”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform