direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Proiezione il 6 novembre. Evento organizzato in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo “La befana vien di notte II – le origini”  di Paola Randi

CINEMA

 

AMBURGO – Dopo il successo del film “La Befana vien di notte”, proiettato nei cinema tedeschi nel 2019, la Befana Paola torna ora sugli schermi tedeschi in sella alla sua scopa magica con una nuova avventura. Per festeggiare l’Avvento il popolare e leggendario personaggio italiano farà di nuovo sorridere bambini e famiglie intere.

Domenica 6 novembre  alle ore 14:30 presso la Sala cinematografica Zeise, l’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo in collaborazione con il Cinema Zeise e la Casa di distribuzione Little Dream Pictures proietterà l’anteprima del film “La befana vien di notte II – Le origini” (2021) di Paola Randi nella sincronizzazione tedesca con il titolo “Die Legende der Weihnachtshexe”  (117 min.).

Al termine della proiezione seguirà un dibattito con la regista che si collegherà con il pubblico in livestream. I biglietti possono essere acquistati sulla pagina web del cinema Zeise (https://www.zeise.de/film/2875) o in biglietteria.

A partire dal 10 novembre il film verrà proiettato in tutte le sale cinematografiche tedesche (ad Amburgo presso il Cinema Zeise e il Cinema Koralle).

Nel cast gli attori Zoe Massenti, Monica Bellucci e Fabio de Luigi.

Chi ha fatto il bravo tutto l’anno riceverà in dono tante caramelle, chi invece è stato cattivo dovrà aspettarsi solo del carbone! In Italia durante il periodo natalizio la Befana vola di qua e di là sulla sua scopa e riempie di sorrisi i volti dei bambini buoni. Ma chi è questa donna dotata di poteri magici che si sposta volando su una scopa? 500 anni fa la Befana era una giovane nulla facente, vagabonda e pigra, che combinava spesso guai.

Nel film “La befana vien di notte II – Le origini” scopriamo la storia dell’orfanella Paola, un’orgogliosa ed egoista ladra, ancora ignara della magia che si nasconde dentro di lei. Durante la rapina più importante della sua vita –  il furto della Madonna d’Oro –  viene scoperta e catturata dal Barone de Michelis, un corrotto cacciatore di streghe. All’ultimo momento però Paola viene salvata da una misteriosa donna su una scopa volante, la strega Dolores.

Dolores vuole accogliere Paola in casa sua, così come ha già fatto con molti altri bambini, figli di presunte streghe. Paola però è un’anima solitaria ed è convinta di non aver bisogno di una famiglia, ma quando scopre le stregonerie di Dolores, decide di restare con lei approfittando della sua ospitalità per imparare le arti magiche. Così la ragazza, un tempo sola ed emarginata, si apre ai suoi nuovi fratelli e, prima che se ne renda conto, ha già stretto nel suo cuore solitario ed egoista la variegata compagnia. Il suo obiettivo tuttavia resta il furto della Madonna d’oro ed è convinta che le pozioni magiche della strega la aiuteranno nella sua rapina.

Paola tradisce così la sua nuova famiglia e finisce per inimicarsi sia la strega Dolores sia il cacciatore di streghe De Michelis e per mettere in pericolo i suoi amati fratelli.

Solo scoprendo che la vera fonte della magia sta nell’amore per la sua famiglia e accettando il suo destino di Befana riuscirà a sconfiggere il cacciatore di streghe e a salvare i suoi fratelli.

Una coraggiosa avventura fantasy con un'(anti)eroina pop al passo con i tempi.

“La befana vien di notte 2” ha infatti poco a che fare con il film precedente dallo stesso titolo, perché di fatto è una origin story. A ben guardare, più che narrare le origini del personaggio della Befana, la reinventa, restituendole alcune delle qualità che alla vecchina della tradizione vengono negate, a cominciare dalla giovinezza e dall’aspetto attraente: del resto quando la strega Dolores ha le fattezze di Monica Bellucci la storia non può che prendere una piega originale rispetto alla leggenda. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform