direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Presentazione online del romanzo di Anna Pavignano “In bilico sul mare”

#SCRITTORI_INBIBLIOTECA

Domani a cura dell’IIC di Amburgo

AMBURGO (Germania) – Per la serie #Scrittori_inBiblioteca, l’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo, presenterà online la scrittrice Anna Pavignano, che parlerà del suo romanzo “In bilico sul mare”, edito da edizioni e/o nel 2009, ora tradotto in tedesco da Ruth Mader Koltay per la casa editrice nonsolo Verlag di Friburgo con il titolo “Ohne Halt ins Blaue”.

L‘incontro si terrà online domani 15 giugno 2021, alle 19:00, sulla piattaforma Zoom dell’IIC di Amburgo e sarà moderato in italiano e tedesco dalla traduttrice stessa, Ruth Mader-Koltay.

Per accedere alla piattaforma Zoom dell’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo consultare la pagina web dell’Istituto (https://iicamburgo.esteri.it/iic_amburgo/de/gli_eventi/calendario/2021/06/anna-pavignano-ohne-halt-ins-blaue.html) .

Per ottenere invece informazioni sulla casa editrice italiana digitare https://www.edizionieo.it/book/9788876418525/in-bilico-sul-mare  e per quella tedesca https://nonsoloverlag.de/shop/ohne-halt-ins-blaue-taschenbuch/ .

“In bilico sul mare” di Anna Pavignano è una storia d’amore e di amicizia, di vacanze e di mestieri, ambientata su un’isola tirrenica. Racconta di una vita con “un lato estivo e un lato invernale, come i materassi”, vissuta da un giovane che a vent’anni ha già l’esperienza del doppio lavoro, una vita da barcaiolo e una da muratore. Anche l’amicizia ha un doppio volto: quello più scanzonato di Tonino “Capa di ciuccio” e quello più inconsueto di Atanganà, in Italia senza permesso di soggiorno.

Anna Pavignano è piemontese di Borgomanero. Scrittrice e sceneggiatrice famosa. La sua carriera inizia nel 1977, quando partecipa come comparsa nella trasmissione di Rai 1, Non stop, vero e proprio carosello di comici italiani. Qui incontra Massimo Troisi, con cui inizia una relazione sentimentale che durerà dieci anni. Proprio con Troisi, Anna Pavignano inizia la sua carriera da sceneggiatrice scrivendo a quattro mani la sceneggiatura del film “Ricomincio da tre” (1981).  A questa sono seguite quelle per “Scusate il ritardo” (1983), “Le vie del Signore sono finite” (1987), “Pensavo fosse amore invece era un calesse” e “Il postino” (1994), per cui riceve la candidatura all’Oscar assieme a Michael radford, Furio Scarpelli, Giacomo Scarpelli e allo stesso Massimo Troisi. Anna Pavignano ha fatto anche esperienza come attrice nel film di Troisi „ Scusate il ritardo“, qui interpretava Rita, la fidanzata di Tonino.

Anche dopo la rottura della relazione sentimentale con Troisi, Anna Pavignano ha continuato a scrivere sceneggiature e a collaborare con quest’ultimo, ma scrivendo anche sceneggiature per altri film per il cinema e per la televisione, per la radio e il teatro come ad esempio la sceneggiatura di “Casomai” il film sulle difficoltà di coppia con Stefania Rocca e Fabio Volo, e di Sul mare” , film tratto dal suo romanzo „In bilico sul mare“ per la regia di Alessandro D’Alatri.

Nel 2009 pubblica il romanzo autobiografico “. “Da domani mi alzo tardi” in cui racconta i ricordi della sua storia d’amore e d’amicizia con Troisi, ricreando una fittizia situazione presente in cui l’attore e regista napoletano è ancora in vita: grazie al grande successo ottenuto, reciterà in teatri italiani alcuni brani tratti dal romanzo con accompagnamento musicale nel corso degli anni successivi e Stefano Veneruso ne fa un film.

Nel 2017 esce il romanzo La Svedese, una storia d’amore “al femminile”, una storia pensata ancora ai tempi del sodalizio con Troisi, che avrebbe voluto farne un film.

Anna Pavignano si è dedicata anche alla letteratura per ragazzi. Con le Edizioni E/O , oltre a “In bilico sul mare”, ha pubblicato anche “Venezia, un sogno, Nel 2018 è uscito in Germania, per i tipi di nonsolo Verlag, nella antologia bilingue “Spiegelungen / Vite allo specchio” il racconto di Anna Pavignano “Chronik eines zufälligen Verbrechens / Cronaca di un fatto di cronaca”.

Ruth Mader-Koltay è nata nel 1968 a Weingarten nel Baden-Würtenberg. Ha studiato letteratura italiana e francese nonché tedesca e vive a Friburgo in Brisgovia, dove lavora come insegnante di italiano presso la Società Dante Alighieri e come traduttrice letteraria. Per nonsolo Verlag ha tradotto anche il romanzo di Igiaba Scego, “Dismatria”  e “Vita e morte delle aragoste” di Nicola H. Cosentino . (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform