direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Premio Strega alla Farnesina, presentati i cinque finalisti della 75esima edizione del concorso letterario

FARNESINA

 

ROMA – Il tour del Premio Strega ha fatto tappa alla Farnesina. E’ stata presentata la “cinquina” dei finalisti della 75esima edizione del premio letterario italiano, organizzato dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci con il sostegno dell’azienda Strega Alberti di Benevento. L’incontro, moderato dalla giornalista di Rai Uno Serena Bortone, è stato aperto dal Ministro degli Esteri Luigi Di Maio. La collaborazione tra gli Istituti Italiani di Cultura (IIC) e il Premio Strega nasce nel 2009. Nel 2020, in collaborazione tra il Ministero e il Premio, il numero degli Istituti partecipanti alla giuria è stato portato da 20 a 30, e il numero dei votanti da 200 a 240, a testimonianza della dimensione sempre più internazionale dello Strega e dell’importante opera di promozione del libro italiano nel mondo. Ad oggi, fanno parte della giuria internazionale del Premio Strega i seguenti IIC: Abu Dhabi, Amburgo, Amsterdam Berlino, Bruxelles, Buenos Aires, Copenhagen, Helsinki, Il Cairo, Lione Lisbona, Londra, Los Angeles Madrid, Melbourne, Montréal Mosca, Parigi, Pechino, Praga, San Francisco, San Pietroburgo, Santiago, Shanghai, Stoccolma, Tel Aviv, Tokyo, Varsavia, Vienna, Washington. I cinque finalisti sono: Andrea Bajani con “Il libro delle case” (Feltrinelli), Edith Bruck con “Il pane perduto” (La Nave di Teseo), Giulia Caminito con “L’acqua del lago non è mai dolce” (Bompiani), Donatella Di Pietrantonio con “Borgo Sud” (Einaudi), e Emanuele Trevi con “Due vite” (Neri Pozza). I cinque autori sono stati scelti, tramite voto online, da 600 persone (singole e collettive) insieme ai voti espressi da studiosi e intellettuali selezionati da 30 Istituti italiani di Cultura.

“La lettura è in primo luogo strumento di libertà e indipendenza personale: uno dei modi in cui il nostro Paese racconta all’estero la sua complessità, ricchezza intellettuale e contemporaneità. Per questo la Farnesina, all’interno del proprio progetto di promozione integrata, sostiene il Premio Strega e il libro italiano nel mondo, consapevole che l’editoria è la prima industria culturale del nostro Paese”, ha spiegato Di Maio evidenziandone il primato anche in piena pandemia. “L’editoria italiana è sana e vitale e rappresenta una delle importantissime componenti del tessuto produttivo italiano. La Farnesina continua a fare la sua parte sostenendo il percorso del libro italiano nel mondo con diversi strumenti e con nuovi mezzi digitali”, ha aggiunto Di Maio menzionando Newitalianbooks.it, realizzato con la collaborazione di Treccani, Cepell e Aie. “L’Italia sarà ospite d’onore tanto al Salone del libro di Parigi quanto alla Fiera del Libro di Francoforte. La Farnesina lavora per arrivare preparati a questi eventi”, ha continuato Di Maio sottolineando come siano 127 le traduzioni letterarie e scientifiche sostenute dal Ministero nel solo 2020: a queste si aggiungono, tramite decreto Salva Italia, altri 238 contributi erogati per traduzioni. Il Ministro ha infine dato merito al lavoro degli Istituti Italiani di Cultura per la promozione del libro nel mondo anche grazie a premi come il De Sanctis, il Flaiano ed il Campiello. “Le visioni della nostra letteratura contribuiscono a comporre la narrazione creativa, libera e coraggiosa dell’Italia nel mondo”, ha concluso Di Maio che è stato affiancato dal Direttore Generale per la Promozione del Sistema Paese, Lorenzo Angeloni, oltre a Melania Mazzucco e Giuseppe D’Avino (Strega).

“Gli Istituti Italiani di Cultura sono antenne e diffusori attraverso cui passa la promozione culturale del nostro Paese nel mondo: una vetrina permanente di ciò che l’Italia produce. Oggi gli IIC sono membri della giuria del Premio Strega, un compito delicato perché il premio è uno dei più importanti strumenti per far conoscere i nostri autori nel mondo”, ha spiegato Lorenzo Angeloni sottolineando che da quest’anno il numero degli IIC coinvolti è stato ampliato: 30 in diverse aree del mondo per un totale di 240 voti. “L’editoria è un pilastro dell’industria creativa italiana, cui la Farnesina ha rivolto negli ultimi anni un’attenzione crescente e continuerà a sostenerla nei processi di internazionalizzazione in una “logica di promozione integrata del nostro Paese”, ha concluso Angeloni. Melania Mazzucco, Presidente del Comitato Direttivo del Premio Strega, ha ricordato che “il premio è stato un trampolino per uscire dai confini italiani e ciò grazie anche alla promozione degli Istituti Italiani di Cultura, facendo capire cosa piace ai lettori stranieri della nostra letteratura”, ha spiegato Mazzucco precisando che i lettori stranieri amano i racconti italiani che dipingono un’Italia in cui possono riconoscersi, per esempio quella più rurale, benché negli ultimi anni si sia registrata una maggiore curiosità verso l’Italia contemporanea. Il Presidente dello Strega, Giuseppe D’Avino, ha ripercorso le tappe che hanno portato nel lontano 1947 alla nascita del Premio Strega. “Dopo 75 anni c’è uno spirito entusiastico e collaborativo tra cultura e impresa grazie al quale questa bellissima avventura va avanti per proiettarsi in una dimensione sempre più internazionale”, ha spiegato D’Avino. Hanno quindi preso parola gli autori. L’italiano Andrea Bajani, che vive da un anno in Texas, porta nella sua letteratura questo sentimento di sperimentazione di una condizione diversa dell’essere e dell’abitare. Al contrario l’ungherese Edit Bruck ha scelto l’Italia quale musa ispiratrice per le sue opere. Per Giulia Caminito l’esperienza estera, principalmente europea, è divenuta una condizione legata al successo che ha avuto come scrittrice. Oltre l’Europa si è spinta Donatella Di Pietrantonio, collezionando esperienze in Brasile e Turchia. Emanuele Trevi ha vissuto molte esperienze all’estero, sottolineando l’utilità degli Istituti Italiani di Cultura. La cerimonia di proclamazione del vincitore della 75esima edizione del Premio Strega si terrà a Roma. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform