direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Percorso formativo sul turismo delle radici destinato a 15 giovani emiliano-romagnoli residenti all’estero

ITALIANI ALL’ESTERO

Iniziativa promossa dal Comune di Codigoro (Ferrara) e realizzata con il contributo della Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo

 

BOLOGNA – 15 giovani emiliano-romagnoli residenti all’estero hanno la possibilità di partecipare ad un percorso formativo “misto”, in parte on-line e in parte in presenza, sul tema del turismo delle radici, anche in vista dell’anno italiano del turismo di ritorno previsto per il 2024. L’iniziativa è promossa dal Comune di Codigoro, in provincia di Ferrara, in collaborazione con La Pro Loco di Codigoro e la Stazione Sociale APS, ed è realizzata con il contributo della Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo all’interno del Bando Boomerang 2022-2023 e del progetto “Le nuove opportunità offerte dal Turismo di ritorno: l’operatore turistico-culturale specializzato in viaggi delle radici”.

Il corso intende fornire competenze manageriali e tecniche per configurare l’offerta complessiva dei servizi di accoglienza del turismo delle radici e organizzare il processo di erogazione in funzione delle opportunità specifiche a tale mercato. In particolare, anche attraverso il confronto con docenti ed esperti, si intende co-progettare itinerari per creare nuovi pacchetti dedicati, e migliorare l’accoglienza, con l’obiettivo di stimolare l’aumento dei flussi turistici e generare vantaggi economici concreti sia per i ragazzi che vivono all’estero che per quelli che vivono sul territorio del Delta del Po. L’obiettivo è qualificare il prodotto turistico a livello locale mediante la formazione e il coinvolgimento diretto degli attori che potenzialmente potrebbero gravitare nel mondo del turismo esperienziale e culturale, creando nuovi pacchetti e figure professionali che si possano occupare del turismo di ritorno.

È prevista una prima fase “on line” di corso, che avrà una durata di 50 ore e al cui termine verrà rilasciato un apposito attestato di formazione. Si prevede di svolgere il corso online tra febbraio e marzo 2023. Al suo interno inoltre sono previsti approfondimenti sulla lingua italiana.

Tra i 15 partecipanti, alla fine del corso, sulla base della frequenza, delle competenze acquisite e degli aspetti motivazionali, verranno individuate 6 persone che proseguiranno il percorso in Italia. Il 50% dei posti a disposizione è riservato a giovani appartenenti alle associazioni di emiliano-romagnoli iscritte all’elenco regionale.

Le attività in presenza dureranno 3 settimane e sono previste in Italia, a Codigoro, nel Delta del Po e con escursioni in tutta la Regione Emilia-Romagna, nel periodo maggio/settembre 2023. Il monte ore formativo sarà di almeno 70 ore, con frequenza obbligatoria dell’80%.

I destinatari sono giovani emiliano-romagnoli all’estero, di età compresa tra i 18 e i 35 anni non compiuti, iscritti all’Aire o di origine o discendenza emiliano-romagnola, che dovrà essere attestata da associazioni emiliano-romagnole nel mondo. Requisiti richiesti sono anche la conoscenza della lingua italiana e il diploma di scuola media superiore o equipollente.

La domanda di partecipazione dovrà essere presentata entro le ore 12 italiane del 30 dicembre 2022. Per informazioni: https://www.stazionesociale.it/. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform