direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Per il responsabile del Dipartimento Italiani nel Mondo del Pd Luciano Vecchi, Pietro Mariani (Federazione Pd Spagna) e Michele Testoni (Circolo “Sandro Pertini” – Madrid): “È il momento di agire per permettere agli italiani residenti in Spagna di ottenere la doppia cittadinanza”

PARTITI

MADRID – “È il momento di agire per permettere agli italiani residenti in Spagna di ottenere la doppia cittadinanza”: così Luciano Vecchi, responsabile del Dipartimento Italiani nel Mondo del Partito Democratico, Pietro Mariani, segretario della Federazione Pd Spagna e Michele Testoni, segretario del Circolo Pd “Sandro Pertini” di Madrid.

Negli scorsi giorni il Circolo Pd “Sandro Pertini” ha organizzato, insieme a Mauro Bafile, direttore del quotidiano online “La Voce d’Italia”, una duplice intervista online a Héctor  Gómez, portavoce della Commissione “Asuntos Exteriores” del Congreso de los Diputados e Marina Sereni, vice ministro degli Esteri e della Cooperazione internazionale. Una delle questioni affrontate – si legge nella nota diffusa dal partito in proposito – è stato il delicato nodo del diritto alla doppia cittadinanza italiana e spagnola.

Perché – è stato chiesto a Gómez e Sereni – Italia e Spagna non possono seguire il modello  dell’accordo recentemente siglato tra Francia e Spagna?

“Per la comunità italiana residente in  Spagna (275.000 “empadronados”, 340.000 con “certificado de registro”) questo è un tema sempre  più importante che riguarda l’integrazione, i diritti, la partecipazione alla vita pubblica spagnola – hanno affermato gli esponenti del Pd, ribadendo come si tratti di “una questione di parità ed equità”. “L’Italia – ricordano – concede la doppia cittadinanza ai cittadini spagnoli mentre la Spagna la permette soltanto ai cittadini dei paesi latinoamericani, delle Filippine, del Portogallo e della Francia. Gli  italiani residenti in  Spagna non possono più essere considerati come cittadini di Serie B –  sottolineano Vecchi, Mariani e Testoni.

“Italia e Spagna sono unite da una quantità, e qualità, di relazioni  politiche, commerciali e umane in aumento esponenziale. Ferme restanti le legislazioni nazionali,  pensiamo sia giusto e necessario che i nostri due paesi diano finalmente inizio a un dialogo costruttivo ed efficace a proposito della doppia cittadinanza – rilevano gli esponenti del Pd, sottolineando la comune appartenenza all’Unione europea e la crescente interdipendenza.

 “Chiediamo alle autorità italiane – concludono i rappresentanti del Partito Democratico – di farsi carico di questa istanza e muovere il primo  passo per camminare stabilmente nella giusta direzione”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform