direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Pellegrino Artusi, inventore della gastronomia italiana, celebrato a Toronto

APPUNTAMENTI

Il 4 agosto la Notte bianca del cibo italiano

TORONTO – Il 4 agosto si celebra a Tronto la Notte bianca del cibo italiano, iniziativa realizzata in occasione del compleanno di Pellegrino Artusi, il creatore della gastronomia italiana.

L’evento coinvolgerà la città canadese grazie all’iniziativa del Comune di Forlimpopoli, con l’Istituto Artusi e l’Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna e con la collaborazione dell’Istituto Italiano di Cultura di Toronto, l’Associazione Amarcord Emiliano romagnoli dell’Ontario e Black Creek Pioneer Village.

In programma il 2 agosto alle 18.30 all’IIC l’incontro con Andrea Segrè che curerà la conferenza intitolata “Il mondo di Pellegrino Artusi e il cibo del mondo: una lettura contemporanea”.

Sabato mattina, 4 agosto, appuntamento al Black Creek Pioneer Village ancora con il professor Segrè per l’incontro “Da Pellegrino Artusi a Fico: Emilia Romagna cuore del mangiar bene italiano”, conversazione in collegamento Skype con il presidente dell’Istituto Artusi Giordano Conti da “Fico”, la ‘wonderland’ del cibo italiano a Bologna. Segrè è presidente della Fico Foundation e uno dei maggiori esperti italiani del settore agroalimentare.
Nel patio di uno degli edifici storici del Villaggio, l’antica birreria, una Marietta dimostrerà inoltre come si usa l’arma con cui l’Emilia Romagna conquista il mondo, il mattarello, e tirerà la sfoglia ‘live’ portando a Toronto questa antica arte tradizionale emiliano romagnola.

Le Mariette prendono il loro nome dalla famosa cuoca di Artusi, che trascorse la propria vita accanto al gastronomo romagnolo. A cavallo tra diciannovesimo e ventesimo secolo, Artusi, nativo di Forlimpopoli, fu il primo a comprendere e definire l’essenza della gastronomia italiana, definendone stili e metodi. Non senza una donna, però: fu proprio ‘la Marietta’ la mano dietro alle ricette di Artusi, e a lei è dedicato il gruppo appunto delle Mariette, cuoche che tengono viva la tradizione della cucina italiana più classica e legata al territorio, a partire dalla sfoglia al mattarello. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform