direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Palazzo Butera e la rigenerazione culturale di Palermo” , all’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo

APPUNTAMENTI

Il 2 aprile conferenza dello storico dell’arte Claudio Gulli nell’ambito del ciclo “Archeologia industriale/Rigenerazione urbana”

AMBURGO (Germania) – Nell’ambito del ciclo Archeologia industriale/Rigenerazione urbana, l’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo ospiterà martedì 2 aprile, alle ore 19, la conferenza “Palazzo Butera e la rigenerazione culturale di Palermo” dello storico dell’arte Claudio Gulli.

La conferenza si terrà in italiano con traduzione simultanea a cura dell’interprete e traduttore Johannes Hampel . La partecipazione all’evento è gratuita.

Palazzo Butera è stato di recente acquistato da una coppia di collezionisti italiani, Francesca e Massimo Valsecchi, che per quarant’anni hanno vissuto a Londra. Palermo riceve quindi una collezione internazionale, ora in prestito al Fitzwilliam Museum di Cambridge e all’Ashmolean Museum di Oxford, che attraversa i secoli e le geografie: dall’arte contemporanea ai mobili inglesi Arts & Craft, dalle porcellane ai dipinti antichi. Il palazzo, una dimora aristocratica del Settecento, è stato restaurato (2016-2019) e sta iniziando una nuova vita di Centro di arte e di cultura. Il progetto dei Valsecchi è infatti il propulsore di un rinnovamento che coinvolge l’Università e il quartiere della Kalsa, dove si trovano i principali monumenti della città: dall’Orto botanico allo Steri, da Palazzo Abatellis alle chiese barocche. Durante la conferenza, sarà presentato il progetto di restauro in corso e le prime attività culturali di Palazzo Butera, ma sopratutto il senso di una rigenerazione urbana di una città che dal centro del Mediterraneo può sviluppare grandi potenzialità culturali.

Claudio Gulli, nato a Palermo nel 1987, ha studiato Storia dell’arte all’Università degli studi di Siena e alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Fra il 2009 e il 2011, ha lavorato al Département des Peintures del Louvre: i suoi contributi su Leonardo da Vinci hanno riguardato la fortuna letteraria del San Giovanni Battista (Skira, 2009) e della Sant’Anna di Leonardo da Vinci (Officina Libraria, 2011). Dal 2016, lavora come storico dell’arte a Palazzo Butera.

Il ciclo Archeologia industriale/Rigenerazione urbana presso l’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo .

Nel 2019 cade ad Amburgo l’Architektur Sommer, l‘estate dell’architettura, che si tiene ogni tre anni dal 1994. Si tratta di un appuntamento fisso e di ampia risonanza nella vita culturale della città, promossa dalla Architektenkammer – Camera dell’Architettura di Amburgo, una piattaforma per eventi sul tema architettura, architettura del paesaggio, interior design, sviluppo urbano e ingegneria civile.akhh.de/baukultur/hamburger-architektur-sommer/.

In questa cornice, e in considerazione dell’ascrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale Unesco di Ivrea “città industriale del XX secolo”, quale progetto sociale “modello” che esprime una visione moderna del rapporto tra produzione industriale e architettura, l’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo ha inteso elaborare un progetto che approfondisca – attraverso un calendario di conferenze di storici dell‘arte e architetti – temi di architettura contemporanea, archeologia industriale, riconfigurazione architettonica e rigenerazione urbana, e in particolare la riconversione di edifici di archeologia industriale in sede museale o in luoghi di elaborazione culturale e le azioni di recupero e riqualificazione del patrimonio edilizio preesistente.

Celebrare il patrimonio, e in particolare il patrimonio italiano in Germania, vuol dire innanzitutto contribuire alla creazione di strumenti di consapevolezza, nel segno dell‘apertura a nuovi osservatorii, attraverso i quali stimolare la conoscenza di contesti territoriali e culturali, e incoraggiare l‘accrescimento qualitativo dell’interesse dei fruitori.

La rassegna gode del patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (Mibac) .

I prossimi incontri

9 maggio , Incontro nell‘ambito del festival musicale amburghese Elbphilharmonie-Festival “Venedig”. Alessandra Ferrighi storica dell’architettura, Università Iuav di Venezia “Venezia tra Ottocento e Novecento, una città e il suo volto”: 13 maggio , Michael Erlhoff professore di Teoria del design “Von New Domestic Landscapes zu Smart Cities”;  5 giugno, Serena Guglielmi, curatore Archeologo presso il Museo Centrale Montemartini, Roma Capitale “Quando il patrimonio industriale dialoga con l’arte antica: il Museo Centrale Montemartini di Roma”;  14 giugno,Alterazioni video. Presentazione del progetto e del libro, apertura della mostra fotografica “Incompiuto. La nascita di uno Stile / The Birth of a Style”.

Gli incontri continueranno nell’autunno 2019. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform