direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Ospite a “L’Italia con Voi”, il Sottosegretario agli Esteri Ricardo Merlo

ITALIANI ALL’ESTERO

 

Il rientro dei connazionali dall’estero, l’assistenza a coloro che versano in condizioni di necessità, l’impegno per l’incremento del personale nei Consolati e la promozione del made in Italy i temi affrontati nell’intervista

 

ROMA –Il sottosegretario agli Esteri Ricardo Merlo è stato tra gli ospiti in studio della puntata del 28 maggio scorso di “L’Italia con Voi”, il programma di Rai Italia dedicato ai connazionali all’estero.

Tra gli argomenti affrontati, il rientro dei connazionali che si sono trovati in difficoltà per la progressiva interruzione dei voli verso il nostro Paese e che si sono rivolti alla Farnesina per chiedere assistenza.

Merlo segnala come al momento siano già rientrati in 83 mila. “Secondo le informazioni che abbiamo, dovrebbero essere ancora in attesa di rimpatrio 7-8 mila connazionali. In questi giorni ci sono stati voli di rientro da Cuba, Montevideo, dal Sudafrica. Credo – afferma Merlo – che abbiamo agito bene e stiamo per completare il rimpatrio di tutti questi nostri connazionali. Per 83 mila italiani sono stati quasi 800 i voli che l’unità di crisi della Farnesina ha organizzato insieme alle compagnie aeree per far rientrare gli italiani rimasti bloccati a causa dell’emergenza”. Il Sottosegretario prevede che per un primo ritorno alla normalità occorrerà aspettare settembre, “se non ci sarà una seconda ondata dell’epidemia; ora stiamo lavorando per ripristinare la libera circolazione e i voli almeno all’interno dell’area europea per questa estate”.

Ricorda poi che il Governo ha stanziato 5 milioni di euro per l’assistenza ai connazionali all’estero in difficoltà e per quelli bloccati all’estero, fondi che vengono gestiti insieme con i Consolati. “Abbiamo già avuto richieste per 600 mila euro e non lasceremo soli i connazionali in difficoltà – afferma Merlo, che sottolinea come sarà garantita flessibilità nell’intervento, calibrato sulle necessità dei connazionali e sui differenti contesti geografici.

Viene richiamato anche l’impegno per l’incremento del personale nei Consolati. “Avevamo bisogno di personale già prima dell’emergenza – ricorda il Sottosegretario. “Abbiamo fatto un grande sforzo negli ultimi 2 anni e abbiamo circa 600 persone che entreranno a lavorare a breve e di cui abbiamo molto bisogno per la pratiche di cittadinanza, il rinnovo dei passaporti e a maggior ragione con l’emergenza Covid – segnala Merlo, che si sofferma infine sul rilancio del made in Italy, quanto mai necessario ora e attraverso strategie che egli ritiene debbano coinvolgere anche le Camere di commercio italiane all’estero (Ccie). “Abbiamo tantissimi imprenditori italiani all’estero e imprese italiane che hanno succursali all’estero. Le nostre Camere di commercio italiane all’estero sono un’opportunità e non un costo, sono una ricchezza di cui dobbiamo saper approfittare – conclude Merlo, segnalando di aver già affrontato l’argomento con il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano, delegato alla promozione degli scambi e all’attrazione degli investimenti. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform