direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Non solo Cuore”: al Museo Paolo Cresci per la storia dell’emigrazione italiana di Lucca lo spettacolo di e con Michele Neri tratto dal libro di Edmondo De Amicis “Sull’Oceano”

ITALIANI ALL’ESTERO

 

LUCCA – “Non solo Cuore”: al Museo Paolo Cresci per la storia dell’emigrazione italiana di Lucca lo spettacolo di e con Michele Neri tratto dal libro di Edmondo De Amicis “Sull’Oceano” del 1889.

Domani 14 ottobre, dalle ore 11, Michele Neri affronterà un percorso di lettura partendo dal testo nel quale De Amicis descrive con grande maestria il suo reale viaggio per le Americhe.

Lo scrittore racconta, con grande partecipazione, la miseria e la tenacia del popolo dei migranti. La suddivisione in classi riporta le diversità del vivere quotidiano, delle ambizioni e delle cose lasciate a terra per sempre. Le ottiche differenti di chi ha abbandonato tutto per ritrovarsi in balia di condizioni ancora peggiori, alla mercè di approfittatori e meschini ruffiani. Descrive chi, invece, parte con tutti i confort, per puro divertimento, o per l’innato spirito d’avventura. Con l’ambizione di salire ancora di più la scala sociale, per acquisire una nuova posizione e sfruttare possibilità impensabili in Italia, ma possibile nel Nuovo Mondo.

I più costretti dalla fame e da condizioni disumane, costretti ad abbandonare la propria terra, ritroveranno le stesse dinamiche dalle quali hanno tentato di scappare. La nave risulterà essere un microcosmo, la miniatura del mondo col le sue imprevedibili e poliedriche situazioni.

“Sull’Oceano – scrive sul suo sito Michele Neri – è un’occasione, tramite un testo letterario per discutere e portare alla luce una tematica che i mezzi di comunicazione di massa ci mostrano nella sua agghiacciante crudeltà, ma che, troppo spesso non viene raccontata nel modo giusto e corretto rispetto ad un passato vissuto anche da tantissimi italiani. L’opportunità per scoprire/riscoprire uno scrittore a cui l’Italia ha dedicato: vie, piazze e scuole, ma che è rimasto in mente alle generazioni di scolari passate, solo per il più odiato e stucchevole romanzo “Cuore”, come testo di riferimento fondamentale.  Alla ricerca di una nuova patria, spinti dalla fame, alla ricerca di sicurezza, ed un minimo di benessere, la descrizione di un viaggio che vediamo ripetersi, dimostrandoci che le problematiche ciclicamente ritornano. Gli italiani di un tempo, possono, essere avvicinati ai migranti di oggi e la maestria di una grande penna, ci permette di rendersi conto di quanto sia importante conoscere il passato per capire meglio il presente”.

Michele Neri, fiorentino, classe 1962, ha lavorato per più di venti anni in biblioteca, passando da centri di ricerca a biblioteche di pubblica lettura. Dopo aver studiato con vari docenti approfondendo le sue conoscenze in campo teatrale, ed in particolar modo nel settore della lettura ad alta voce e dell’animazione, ha iniziato l’attività, di narratore e lettore. Progetta e realizza incontri e laboratori di lettura nelle scuole, musei e biblioteche operando su tutta la Toscana e fuori regione. Ho collaborato con numerosi musei italiani. Collabora con la Rete Italiana di Cultura Popolare di Torino, producendo serie di racconti radiofonici. Una volta andato in onda, tutto il materiale è fruibile e scaricabile liberamente dall’archivio podcast della Rete e dal sito  internet di Neri. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform