direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Newsletter Laura Garavini (IV): stanziamenti in finanziaria per gli italiani all’estero, dalla rete consolare ai ricercatori fino alle minoranze nei territori balcanici

ELETTE CIRCOSCRIZIONE ESTERO

ROMA – “Nella legge di bilancio che abbiamo votato pochi giorni fa abbiamo previsto stanziamenti specifici per gli italiani nel mondo. Lo scrive nella sua newsletter la senatrice di Italia Viva Laura Garavini, eletta nella ripartizione Europa  Risorse dirette, – continua la senatrice – volte a sostenere i capitoli più importanti, a cominciare dal personale dei Consolati. Molti connazionali negli ultimi mesi hanno lamentato ritardi nell’erogazione dei servizi, a causa della pandemia. Per far fronte ai quali il Governo ha stanziato risorse utili ad inviare all’estero oltre un centinaio di funzionari e addetti di ambasciata. Così come ulteriori fondi per sostenere il personale a contratto (800.000 euro) ed i Consoli onorari (600.000).  Abbiamo stanziato risorse anche per un altro segmento centrale, quello della promozione culturale. Aumentando, come da programma, il Fondo a sostegno della lingua e cultura italiana con 47 milioni per il 2022 e prevedendo 800.000 euro aggiuntivi ad hoc per gli enti gestori dei corsi di italiano e due milioni per la Dante Alighieri. Realtà preziose, che si occupano dell’insegnamento della lingua italiana ai nostri ragazzi, nei tanti luoghi in cui non è possibile impiegare insegnanti di ruolo dall’Italia. Con mia grande soddisfazione, grazie all’impegno di tutti i gruppi, si é riusciti anche a rinnovare i finanziamenti per le Comunità italiane in Croazia, Slovenia e Montenegro. Un presidio rilevante a sostegno delle nostre minoranze presenti nella ex Jugoslavia. Risorse anche per i nostri ricercatori, in Italia e fuori dai confini. Un ulteriore bel risultato, al quale ho contribuito personalmente e di cui sono contenta, è la previsione di risorse a sostegno delle collaborazioni scientifiche e tecnologiche tra Italia e Repubblica Federale tedesca. Fino a 15 milioni in tre anni. Fondi che avranno una doppia ricaduta positiva. Da un lato rafforziamo il legame con la Germania. Dall’altro favoriamo la mobilità ed il rientro dei nostri, tanti, talenti che operano sul territorio tedesco. Mentre, sulla questione ‘rientro dei cervelli’, va salutato positivamente il fatto che sia stato esteso l’incentivo fiscale previsto per i cosiddetti ‘cervelli rimpatriati’ anche ai docenti e ricercatori rientrati in Italia prima del 2020, che attualmente ne erano esclusi. In questo modo motiviamo tante nostre risorse umane a restare in Italia”. Tra i risultati ottenuti nel 2021 segnalati dalla Garavini anche  “l’approvazione dell’assegno unico universale, grazie al quale lo Stato erogherà un contributo mensile per ogni figlio fino ai 21 anni, sul modello di quanto succede in diversi paesi europei. Una misura concreta e già diffusa in Nord Europa. Che per l’Italia rappresenta una sorta di rivoluzione copernicana. Perché finalmente rimette al centro la genitorialità e la parità di genere. E permette di perseguire due obiettivi. Da un lato, contrasta il drammatico calo di nascite che affligge il nostro Paese. Dall’altro, promuove l’occupazione femminile, dando alle mamme un sostegno per crearsi una propria dimensione personale e professionale”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform