direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Mons. Perego: “Muri dentro e fuori ritornano e la libertà di partire e di restare sembra oggi un diritto non esigibile”

FONDAZIONE MIGRANTES

 

TRENTO – La storia di questi ultimi cinquant’anni della Chiesa in Europa è stata “certamente storia di solidarietà: impegno per la cooperazione, per il condono del debito estero dei Paesi più poveri, micro-progetti più che grandi progetti, iniziative diocesane, campagne nazionali, fondazioni internazionali, obiezione di coscienza alle armi e impegno per la pace, sviluppo di modelli di cooperazione e di autonomia, l’attenzione ai nuovi migranti dopo la caduta del muro di Berlino nel 1989, progetti e iniziative ecumeniche come i recenti corridoi umanitari per tutelare i richiedenti asilo sono alcuni dei segni concreti di una solidarietà della Chiesa in Europa”. A dirlo, sabato pomeriggio, Mons. Gian Carlo Perego, Direttore generale della Fondazione Migrantes e Arcivescovo di Ferrara-Comacchio, intervenendo ad un incontro sul tema della solidarietà all’annuale Festa dell’Europa che si è svolta a Trento con al centro il tema “Siamo Europa”.

Insieme a Mons. Perego l’economista Stefano Zamagni. Nel suo intervento Mons. Perego ha parlato della solidarietà nel magistero della Chiesa Cattolica e su come fare solidarietà. Occorre anzitutto “valorizzare” e “non depredare le risorse dei Paesi più poveri”; “sostenere lo sviluppo economico interno ai Paesi più poveri, favorendo la produzione propria”, “distribuire con massima efficacia ed equità le risorse”. Lo sguardo di Mons. Perego è quindi andato al mondo delle migrazioni dei popoli “che nascono anche da mancati impegni dell’Europa in ordine alla pace, alla giustizia sociale, alla  cooperazione, dal potere crescente delle multinazionali sulle terre (Land Grabbing), dallo sfruttamento delle risorse senza condivisione, accompagnate da fenomeni di chiusura, esclusione sociale e differenza sociale, di abbandono dei poveri e dei migranti economici e forzati, da nazionalismi, protezionismi e populismi che rischiano di ricostruire i muri abbattuti, sono  il segno più concreto e evidente del tradimento del principio della solidarietà”. Per Mons. Perego “sembra mancare oggi un ‘progetto europeo’ che trovi nella solidarietà il suo punto di forza per dare futuro al nostro Continente. Anche la destrutturazione degli istituti di solidarietà, frutto dei movimenti sociali e storicamente garantiti nei Paesi europei, rischiano di indebolire l’accesso ai diritti sociali.  E senza solidarietà si muore, perché vengono a mancare la vita (il tasso di mortalità nei 28 Paesi europei è superiore al tasso di natalità), le relazioni, i legami, lo scambio, che sono le fondamenta per avere un avvenire di dialogo sociale e di pace, di sviluppo”. “Muri dentro e fuori ritornano e la libertà di partire e la libertà di restare sembra oggi un diritto non esigibile”. Il direttore di Migrantes conclude “guardando al Mediterraneo e a come quel Mare confine d’Europa sia oggi il segno di una solidarietà ancora ferita dalle troppe morti e dal tentativo di indebolire l’azione congiunta di istituzioni e società civile nel salvare migranti in mare”. (R. Iaria-Migrantes online, 15 maggio/Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform