direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Molise, a Sant’Egidio con “Le Vie degli Eremi”

APPUNTAMENTI

Il 12 agosto passeggiata storico-naturalistica nel Matese a cura di Molise Noblesse e Filitalia Chapter Bojano

 

BOJANO – Tutti a Sant’Egidio con “Le Vie degli Eremi”! I ragazzi di Molise Noblesse non si fermano! Il progetto internazionale, main partner Filitalia International e Chapter Bojano, il quotidiano internazionale Un Mondo d’Italiani, Casa Molise, Awa, Assel, Uci, insieme a numerosi altri partner in Italia e nel mondo, sotto la guida di Mina Cappussi, per Turismo è Cultura 2020, presenta: “La Via degli Eremi: focus sui Popoli Italici di Molise Noblesse lungo i sentieri montani del massiccio del Matese”. Camminata storico-naturalistica attraverso tre comuni del Matese: San Polo, San Massimo, Sant’Egidio di Bojano, con sosta al Rifugio degli Alpini di Colle Ciammarucone.

La via breve dalle Pianelle

L’evento si terrà mercoledì 12 agosto 2020 alle 9.00, grazie alla guida Tonino Spina, di Matese Mountain Bike, e la vicinanza virtuale di Giulio De Camillis. Molise Noblesse si occupa di promozione territoriale, nell’ambito del Movimento nazionale per la Grande Bellezza. Allo slogan “Il Molise esiste ed è nobile!”, propone una passeggiata storico-naturalistica da località Le Pianelle di San Massimo all’antico cenobio di Sant’Egidio, lungo la strada per Campitello Matese, in una natura selvaggia dalla bellezza mozzafiato, lungo sentieri antichi, strapiombi, rocce imponenti, tra muschi, felci, licheni, prugnolo, lamponi, ciclamini, rosa canina, che nella passata edizione si è tenuta il 31 luglio 2019.

Conferenze Camminanti

Anche le Vie degli Eremi, targata 2020 per Molise Noblesse MMXX, rilancia l’idea delle famose Conferenze Camminanti a cura di docenti universitari, studiosi, esperti che illustrano le evidenze storiche, antropologiche, ambientali, artistiche e naturalistiche in tono divulgativo. Mariantonietta Romano, archivista ed esperta di Storia Medievale, porterà una relazione dal titolo “Felix solitudo? Sant’Egidio fra pastori ed eremiti”. Suor Margherita parlerà delle emozioni e delle sensazioni di chi vive ogni attimo la natura come parte integrante dell’essere, con il suo intervento “Incontro con lo Spirito, la Natura dentro e fuori di noi”. Mina Cappussi relazionerà sulla necessità di “fare silenzio” nella propria vita e sulla funzione dell’eremita nei millenni, nel breve seminario titolato “Il Silenzio e il Cammino come catarsi”.

Storia e natura sull’Appennino Sannita

“Le Vie degli Eremi”, per il ciclo “Popoli Italici” è una camminata storico-naturalistica, su strada sterrata, da percorrere lentamente per poter ammirare il paesaggio circostante, selvaggio e silenzioso, tra rilievi e vallate, alture e strapiombi, praterie e ripidi costoni rocciosi, boschi di quercia, di castagno, tra muschi, felci, licheni, trigni, lamponi, ciclamini, rosa canina e altre essenze della flora della media montagna appenninica molisana, Appennino Sannita.

La cappella di Fonte Santa Maria

A quota 1130 m s.l.m., a San Polo Matese, 471 abitanti nella provincia di Campobasso, arroccato su un colle ai piedi del massiccio montuoso dell’Appennino Sannita, c’è la Fonte Santa Maria. Una piccola cappella, un riparo, una statua della Vergine, una croce. Un luogo al di fuori delle mete turistiche di massa, dove sperimentare le emozioni forti del contatto con la natura incontaminata e bellissima della regione.

Suor Margherita, l’eremita dei tempi moderni

Sant’Egidio si staglia nel mezzo di una verde altura del Matese a 1025 metri di quota, un cenobio del IX secolo ad opera dei Cistercensi o dei Templari. Il complesso, che fa parte della parrocchia dei Santi Erasmo e Martino di Bojano, consta di una chiesetta annessa ad un rifugio che era l’antico piccolo cenobio costruito con funzioni di eremo e di ricovero per viandanti che, soprattutto nel periodo medioevale, seguivano i sentieri montani che collegavano i due versanti del massiccio del Matese, molisano e campano. Secondo la tradizione, ha ospitato il Santo che soleva alimentarsi con il latte di cerva. Documentata la presenza di altri eremiti nel ‘700, mentre oggi vi abita suor Margherita, che ha deciso di lasciarsi alle spalle il rumore del mondo. Suor Margherita, lombarda, 65 anni circa, della Congregazione suore delle Poverelle di Bergamo, per parecchi anni missionaria in Africa, vive da qualche anno nell’edificio sperduto fra i monti del Matese, raggiungibile unicamente a piedi.

Programma

Ritrovo ore 9:00 presso le Pianelle di Campitello Matese, da dove avrà inizio la passeggiata per il pubblico. L’evento è aperto a tutti e si svolgerà nel rispetto della normativa Covid e del distanziamento sociale.

Il progetto Molise Noblesse si avvale della collaborazione di Comune di San Biase, Comune di Duronia, Comune di San Polo Matese, Comune di Castel San Vincenzo, Comune di Campochiaro, Comune di San Massimo, Comune di Busso, Comune di Cerro al Volturno, Comune di Baranello.

Numerosi i  partner in Italia e nel mondo. Tra essi:  Monongah Associazione, Filitalia International Chapter Bojano, Aitef (Associazione Italiana Tutela Emigrati e Famiglie), Aiccre (Associazione Italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa) sez. Puglia , Asmef (Associazione Mezzogiorno e Futuro), Molise Club Melbourne (Australia), Filitalia International Associazione e Fondazione Philadelphia (Usa), Nia-Pac Philadelphia (Usa), Famiglia Bagnolese Vancouver (Canada), Delta Music Group Associazione Araoz Baradero prov. Buenos Aires (Argentina), Corredor Productivo Mar del Plata Argentina (Camera di Commercio) (Argentina), Actia Agenzia Coordinacion Territorial Mar del Plata (Argentina). (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform