direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Modalità di voto all’estero referendum costituzionale 20-21 settembre, il Direttore Generale Luigi Maria Vignali  (Dgit- Maeci) interviene a “L’Italia con Voi”

ITALIANI ALL’ESTERO

ROMA – Ospite della puntata di oggi di “L’Italia con Voi- Extra”, il programma di Rai Italia condotto da Monica Marangoni,   il Direttore Generale per gli Italiani all’Estero del Maeci, Luigi Maria Vignali, che ha parlato delle modalità di voto all’estero per il referendum costituzionale confermativo del 20-21 settembre 2020. Il referendum, in caso di esito positivo, confermerebbe la legge costituzionale sul taglio dei parlamentari. Il quesito è molto semplice ed intuitivo: chi è favorevole al taglio dei parlamentari dovrà tracciare una croce sul ‘SI’, mentre ch è contrario lo farà sulla dicitura ‘NO’. “Se la legge venisse confermata alla Camera si scenderebbe da 630 a 400 deputati, mentre al Senato si avrebbero 200 senatori invece degli attuali 315. Tutto questo assume riflessi importanti anche per i nostri connazionali nel mondo perché gli eletti all’estero della Camera dei Deputati passerebbero dagli attuali 12 a 8, mentre i senatori verrebbero ridotti dagli attuali 6 a  4. Quindi c’è un impatto ed è bene che ci sia una consapevolezza in proposito”, ha spiegato Vignali che parla di un grande corpo elettorale anche all’estero dove la cifra si aggira attorno ai 4 milioni e mezzo di aventi diritto al voto tra gli iscritti all’Aire, che sono coloro che risiedono stabilmente all’estero. La modalità di voto sarà come di consueto per corrispondenza, ossia tramite ricezione all’estero – e successivo ritorno in Italia per le operazioni di spoglio – del plico contenente la scheda accuratamente custodita in modo da garantire l’anonimato una volta espletato il voto. “Però possono votare anche gli italiani temporaneamente all’estero, purché siano da almeno tre mesi fuori dai confini nazionali”, ha aggiunto Vignali ricordando che questi ultimi dovranno registrarsi per la loro opzione di voto, inviando tale richiesta al Comune italiano di residenza entro il 19 agosto. “Per i cambi di circoscrizione estera – quindi persone già iscritte all’Aire – sempre entro il 19 agosto si può richiedere di votare nel territorio del nuovo consolato di riferimento”, ha precisato Vignali. “Gli italiani stabilmente residenti all’estero, ossia gli iscritti all’Aire, riceveranno a casa il plico ed è quindi importante che comunichino eventuali cambi di indirizzo. Riceveranno una busta  con la scheda elettorale,  contenete le istruzioni che dovranno seguire. Il plico dovrà ritornare presso la sede dell’ufficio consolare entro le ore 16 (ora locale) del 15 settembre”, ha spiegato Vignali. Si ricorda che, coloro che non abbiano ancora ricevuto il plico entro il 6 settembre, potranno contattare il proprio ufficio consolare per ottenerne un duplicato. “E’ stato un grande impegno organizzare il voto. Penso all’America Latina e all’America del Nord ma anche all’Australia ossia a tutte quelle aree colpite fortemente ancora dalla pandemia. Quindi l’impegno è notevole e desidero ringraziare tutti i nostri impiegati consolari che stanno facendo il massimo per mettere in condizione gli italiani all’estero di votare. Per fortuna il voto è per corrispondenza quindi non c’è un assembramento da seggio ma le difficoltà ci sono”, ha sottolineato Vignali ricordando che si sta ragionando anche sulla possibilità di un voto elettronico, naturalmente non per questo referendum ma per il futuro. “Il voto elettronico rappresenta il futuro soprattutto per quanto riguarda il voto all’estero però va preparato adeguatamente in termini di sicurezza, per evitare rischi di attacchi hacker, e di segretezza. La tecnologia blockchain potrebbe essere quella adeguata. Magari il tutto potrebbe essere sperimentato in una tornata elettorale per così dire “minore’, quella per il rinnovo dei Comites, che avverrà l’anno prossimo. Il voto elettronico è il futuro e ci impegniamo sicuramente su quella strada. ”, ha concluso Vignali. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform