direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Missione italiana in Iraq: riaperto dopo tre anni il collegamento tra Mosul e Duhok

MINISTERO DIFESA

MOSUL (Iraq) – Militari italiani impegnati nella missione in Iraq hanno fornito l’assistenza necessaria alle forze di sicurezza locali per riaprire la principale strada che collega la città di Mosul con la vicina provincia di Duhok, nella Regione Autonoma del Kurdistan Iracheno. Strada riaperta dopo oltre tre anni grazie all’opera delle Forze di Sicurezza irachene.

Ora migliaia di famiglie potranno ritrovarsi, dopo diversi anni di separazione, e il processo di stabilizzazione potrà svilupparsi anche su una delle principali direttrici del nord dell’Iraq.

Un contributo importante quello fornito dal nostro contingente per la sicurezza dell’area. I militari italiani hanno, infatti, hanno supportato le Forze di Sicurezza irachene e curde nel realizzare una cornice di sicurezza che ha consentito la riapertura dell’importante arteria stradale.

Questo rappresenta un altro rilevante indicatore del miglioramento della situazione della sicurezza nell’area della diga di Mosul e raffigura concretamente il rilevante lavoro svolto dai militari italiani che hanno favorito il processo di normalizzazione.

La presenza sul terreno dei nostri militari presso la diga e il lavoro svolto dagli addestratori, che hanno trasferito alle forze dell’Esercito e della Polizia irachene e curde le capacità operative necessarie per sconfiggere ISIS, hanno consentito alla regione di tornare verso una situazione di normalità.

Dalla fine del 2014 la strada era rimasta inaccessibile al transito attraverso la Kurdish Defence Line, che segnava il principale fronte difensivo dalle forze del sedicente Stato Islamico.

La sua chiusura aveva impedito per anni le relazioni tra le due aree e, in molti casi, non aveva più permesso alle famiglie di mantenere rapporti, influenzando anche l’economia della regione.

Nell’ambito della missione Prima Parthica il contingente italiano svolge prevalentemente compiti di addestramento delle Forze di scurezza curde e irachene, attività Air-to Air refueling a favore degli assetti aerei della Coalizione. Si occupa, inoltre, di garantire la cornice di sicurezza al personale della ditta incaricata dei lavori di risanamento della diga di Mosul. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform