direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Missione in Libano: i Caschi Blu italiani donano materiale sanitario alla Croce Rossa di Tiro

DIFESA

BEIRUT – I Caschi Blu italiani del 66° Reggimento Fanteria Aeromobile Trieste, l’unità di manovra del contingente italiano di UNIFIL, ha effettuato una donazione di materiale sanitario e ospedaliero alla Croce Rossa di Tiro.

I materiali donati – tra cui una barella Basket, due sedie a rotelle, stampelle ortopediche, presidi sanitari per il contrasto al contagio da Covid 19 come guanti monouso mascherine chirurgiche e disinfettante – saranno impiegati per le consuete attività ambulatoriali e di medicina d’emergenza del presidio sanitario.

Il colonnello Marco Licari, comandante di Italbatt, ha dichiarato che “tali donazioni sono frutto della generosità del tessuto sociale e territoriale dove i nostri reparti vivono e operano in Italia e questa in particolare è stata resa possibile anche grazie alla solidarietà dimostrata da alcune realtà sociali che insistono nel territorio di Codroipo (UD) quali l’Associazione Friulana Donatori di Sangue-AFDS – sezione Bianchi Lancieri e la rappresentanza locale del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, legate ormai da anni da un forte spirito di collaborazione con il Reggimento Lancieri di Novara (5°), il cui gruppo squadroni costituisce una delle due pedine operative del 66° Reggimento in Libano”.

Nell’occasione i responsabili della Croce Rossa di Tiro hanno voluto rimarcare il forte legame che si è instaurato tra la comunità locale e il contingente italiano e hanno ringraziato il col. Licari per l’aiuto che l’Italia già da molti anni fornisce e continua a fornire alla comunità locale.

Il sostegno alla popolazione e alle istituzioni locali è uno dei pilastri della Risoluzione 1701 delle Nazioni Unite, oltre alle attività di controllo della cessazione delle ostilità nel Sud del paese e la cooperazione con le Forze Armate libanesi, compito fondamentale che il contingente italiano a guida Brigata Aeromobile Friuli, al comando del Generale di Brigata Stefano Lagorio, svolge con professionalità e impegno teso anche a rinsaldare i tradizionali vincoli di amicizia che legano Libano e Italia, ancora più importanti in questo delicato periodo di emergenza sanitaria globale. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform