direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Missione in Afghanistan: avvicendamento alla direzione del Centro Amministrativo d’Intendenza Interforze

MINISTERO DIFESA

 

Il CAI-I garantisce il supporto tecnico e amministrativo al contingente italiano  della missione

 

HERAT  – Ha avuto luogo ieri presso Camp Arena, sede del Train Advise Assist Command West (TAAC-W), l’avvicendamento alla direzione del Centro Amministrativo d’Intendenza Interforze (CAI-I), la componente della missione in Afghanistan che gestisce e cura gli aspetti tecnico-amministrativi e logistici in supporto alle operazioni condotte dal contingente italiano. Ne informa il TAAC-W da Herat. Il colonnello Guglielmo Falasca, dopo oltre sei mesi di intenso e proficuo lavoro, ha ceduto l’incarico al collega parigrado Carmelo Bonomo, entrambi provenienti dall’Aeronautica Militare.

L’avvicendamento si è svolto in forma estremamente ridotta, in osservanza alle limitazioni imposte dall’emergenza covid-19.

Nel salutare l’ufficiale in partenza, il comandante del TAAC-W, generale di Brigata Enrico Barduani, ha espresso il proprio ringraziamento per l’ottimo lavoro svolto in questo periodo dal Colonnello Falasca, evidenziando i risultati lusinghieri ottenuti dal CAI-I nella gestione delle risorse economiche e finanziarie in una fase particolarmente difficile come l’attuale.

Il Centro Amministrativo d’Intendenza – Interforze (CAI-I) garantisce, con il proprio operato, il supporto tecnico e amministrativo al contingente nazionale schierato a Herat e fornisce, inoltre, assistenza al personale italiano inquadrato presso il Comando della missione  “Resolute Support” a Kabul. Il TAAC-W, Comando NATO a guida italiana, attualmente su base 132^ Brigata corazzata “Ariete”, in cui operano uomini e donne dell’Esercito Italiano, dell’Aeronautica Militare, della Marina Militare e dell’Arma dei Carabinieri, è responsabile nell’ambito della missione “Resolute Support” della parte occidentale dell’Afghanistan, che comprende le province di Herat, Badghis, Farah e Ghor, per un’estensione territoriale pari all’intero Nord Italia e una popolazione di circa quattro milioni di abitanti.

È composto da militari di otto nazioni (Albania, Ungheria, Lituania, Romania, Slovenia, Ucraina, Stati Uniti d’America, oltre all’Italia) che operano con l’obiettivo di contribuire all’addestramento, all’assistenza e alla consulenza in favore delle Istituzione e delle Forze di Sicurezza afgane, impegnate nella creazione di adeguate condizioni di sicurezza e prosperità per la popolazione locale.(Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform