direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Messaggio del capo dello Stato in occasione dell’incontro annuale “Young Europe You” promosso dall’Agenzia Nazionale per i Giovani

QUIRINALE

 

Mattarella: “L’Europa deve diventare una possibilità concreta, oltre gli affanni e gli egoismi nazionali di oggi, deve diventare un’occasione in più, anzitutto per i giovani”

“Il Programma Erasmus è stato un pilastro e un propulsore della speranza europea”

 

ROMA – “L’Europa non è soltanto un sistema di istituzioni e di regole, che presidiano uno spazio di libertà, di scambi e di pacifica convivenza. L’Europa è un progetto storico, il solo che possa dare al nostro continente un ruolo da protagonista nel secolo della globalizzazione, il solo che possa preservare e sviluppare i caratteri di quella civiltà e di quel modello sociale maturati nei secoli. Per questo il progetto europeo ha bisogno di un’anima, di ideali condivisi, di una speranza comune. Ha bisogno della capacità e dell’intelligenza di aprire lo sguardo verso il futuro: l’Europa deve diventare una possibilità concreta, oltre gli affanni e gli egoismi nazionali di oggi, deve diventare un’occasione in più, anzitutto per i giovani”. E’ quanto scrive il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un messaggio inviato al direttore generale dell’Agenzia Nazionale per i Giovani, Giacomo D’Arrigo, in occasione dell’incontro annuale “Young Europe You”, apertosi oggi a Roma ,presso il Tempio di Adriano.

Rivolgendo “il mio cordiale saluto agli organizzatori, a tutti i partecipanti e agli ospiti europei, impegnati insieme a noi per rendere il programma Erasmus Plus sempre più vivo, interessante e costruttivo di opportunità” il capo dello Stato ricorda come il programma Erasmus sia stato “un pilastro e un propulsore della speranza europea”. “Forse non tutti pensavano che avrebbe significato così tanto per i giovani di tutta Europa. Invece – sottolinea Mattarella – ha consentito incontri, ha promosso conoscenze, ha moltiplicato le relazioni, ha abbattuto pregiudizi e pareti divisorie. E’ diventato una straordinario vettore di amicizie e di cultura. Ha fatto crescere l’esperienza di Europa proprio tra le generazioni più giovani, alle quali presto toccherà un ruolo di guida. “Erasmus Plus è un ulteriore, più grande e coraggioso investimento sui giovani, sulle opportunità di sviluppo, sullo studio, sulla formazione professionale, sulle esperienze di lavoro, sul volontariato, sullo sport. Dobbiamo far crescere le reti per irrobustire la consapevolezza della nostra cittadinanza europea. I giovani lo sanno meglio di tutti: siamo cittadini del nostro comune e del nostro Paese. Ma proprio per questo l’Europa è casa nostra. Sta a ciascuno di noi viverla, pensarla, migliorarla come la nostra casa”, conclude il presidente della Repubblica.(Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform