direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Madagascar , inaugurato ad Ampefy il nuovo Ospedale italiano

VOLONTARI ITALIANI ALL’ESTERO 

La struttura è stata realizzata dall’associazione Change Onlus

 

ANTANANARIVO – “Ad Ampefy, a 140 km dalla capitale del Madagascar, il 25 aprile è stato inaugurato il nuovo Ospedale Saint Paul grazie alla opera benefica della Onlus Change”. Ne dà notizia Aldo Sunseri, responsabile del Patronato Ital Uil Madagascar, attraverso il suo blog ‘Il mio Madagascar’ (http://madagascar-aldo.blogspot.it ).

“Composta tutta da medici italiani, la Change – si legge sul blog   – ha lavorato per parecchi mesi nella realizzazione di questa struttura dove hanno trovato posto i più moderni macchinari di laboratorio e le attrezzature per vari esami, per interventi chirurgici e la sala parto.

Con un reparto ricoveri composto da pochi letti e che sarà ampliato in un prossimo futuro, il Centro Sanitario Polispecialistico ‘Change St.Paul’ ad Ampefy-Andasibe, nel cuore della regione di Itasy è in grado di assistere gli abitanti del centro di Ampefy e del circondario.

I volontari dell’associazione stanno cercando di costruire un Centro Nutrizionale per la diagnosi, la terapia e la prevenzione della piaga della denutrizione che affligge i bambini di questa regione come di tanta parte del Madagascar.

Al numeroso pubblico intervenuto per questa manifestazione di inaugurazione ha fatto gli onori di casa il Presidente della Change dr Paolo Mazza coadiuvato dai numerosi medici arrivati dall’Italia, che si adopereranno unitamente a medici malgasci a prestare la loro opera gratuitamente a chi ne ha bisogno”. “Alla cerimonia – si legge sul blog – erano presenti:  S.E. il Vescovo della diocesi, il Sindaco di Ampefy, lo Chef di regione e numerosi funzionari del Primo Ministro e del Ministero della Sanità, l’Italia era rappresentata dall’UIM e dal Responsabile del Patronato Ital Uil Madagascar Piero Marangi e Aldo Sunseri”.(Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform