direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

L’Università dell’Aquila ospita il drammaturgo Mario Fratti

ITALIANI ALL’ESTERO

La prima parte dell’intervento svolto dalla professoressa Liliana Biondi nel corso della presentazione del volume “Volti”

 

L’AQUILA – Sono molto lieta che sia l’Università degli Studi dell’Aquila, in particolare il  Dipartimento di Scienze Umane, il luogo delegato ad accogliere col calore e l’affetto del pubblico il drammaturgo aquilano-americano Mario Fratti, per la presentazione di una sua novità editoriale, la silloge Volti (Pescara, Tracce, 2014 ).

La presenza, in questo tavolo dell’Aula Magna, della Rettrice dell’Ateneo aquilano, prof.ssa Paola Inverardi, e di Goffredo Palmerini, instancabile ed eccellente operatore culturale del Consiglio Regionale  Abruzzesi  nel Mondo, è ulteriore segno del legame sinergico tra accademia e territorio e tra questo e i suoi figli eccellenti nel mondo. Saluto pertanto con affetto la presenza di Mario Fratti in questa sede, egli che ha insegnato alla Columbia University  e all’Hunter College of the City University di New York,  metropoli in cui egli vive dal 1963.

In questa seconda università, l’Hunter College, ho conosciuto Mario Fratti nel 1998, in occasione del Convegno Internazionale di studi su Ignazio Silone, organizzato nel ventennale della morte dell’illustre scrittore da quell’ateneo, nella persona della docente italianista, Maria Nicolai Paynter. Conoscere, in America, a New York, non solo un abruzzese ma addirittura un aquilano, drammaturgo e docente, del quale qui all’Aquila non avevo mai sentito parlare, mi parve, allora, cosa molto bella e onorevole per la mia Città, essendo, egli, un suo figlio che si era distinto per motivi culturali ed artistici fuori dai confini nazionali, nel grande mare del mondo.

Era il mese di ottobre, e l’evento coincise con l’annuale Festa degli Italiani. Ricordo che trascorremmo insieme l’intera serata durante la sontuosa cena, ove rimasi colpita dalla vistosa accuratezza generale: saloni sfarzosi, sottofondo musicale, abiti femminili molto appariscenti, uno straripante e squisito buffet. Era l’America. In quell’occasione, sperimentai l’innata abilità osservatrice di Mario Fratti: occhi azzurri vivaci e mobilissimi e uno sguardo penetrante che sul suo volto sempre atteggiato a sorriso si convertiva immediatamente in parola: un paragone, una metafora, un giudizio di valore talvolta mordace, ma talmente vero che, impressionata, gli confessai che non osavo chiedergli cosa cogliesse in me. Con sguardo serio mi disse: «Stare con voi che venite dall’Italia è come stare a casa» e percepii  tutta la sincerità di quel suo bisogno di essere se stesso. Quello che mi colpì in lui, fu questo suo duplice aspetto: una intelligenza simpaticamente estroversa ed arguta che sottendeva tuttavia ad un certo scetticismo, ad una velata, generale, malinconica diffidenza verso tanta esteriorità, dove, pur tuttavia, egli si muoveva bene e a proprio agio.

Ho poi incontrato nuovamente -artefice il bravo Goffredo Palmerini- Mario Fratti all’Aquila nel 2007, in varie cerimonie organizzate dalla Città e dal Teatro Stabile in onore dei suoi 80 anni. Fu presentato, in quell’occasione, nel salone della Presidenza della Provincia, alla presenza delle autorità cittadine il suo bel dramma, Eleonora Duse,dove egli ritesse magistralmente la vita dell’artista attraverso la trama delle opere che ella ha interpretato. Un dramma che era stato rappresentato per la prima volta in America nel 1967,e che nel 2007, a 40 anni dalla sua prima rappresentazione, fu tradotto in italiano, dalla lingua inglese, da Emanuela Medoro con una mia introduzione e stampato a cura della Provincia, col patrocinio del Comitato Aquilano della Società Dante Alighieri di cui ero allora presidente.

Personalità simpatica e coinvolgente quella del drammaturgo Mario Fratti! Ad ascoltare una sua recente video-conversazione, emerge una persona ottimista verso la vita molto più di quanto non traspaia dalle sue opere. Ottimista, forse per gratitudine alla vita stessa, che lo ha dotato di intelligenza, esuberanza e immaginazione vivaci; di ingegnosa e volitiva curiosità verso la cultura e verso  il mondo. Si è laureato giovanissimo in lingue straniere all’Università di Venezia; ha vinto, subito dopo, un premio RAI per un dramma mai poi mandato in onda; e, con una scelta intuitiva riuscita, a 36 anni si è trasferito ex abrupto in America, come critico teatrale per testate giornalistiche italiane. Lì ha frequentato collaborato con Lee Strasberg, che con l’Actor’s Studio mise in scena una sua opera, e da allora, in questi 50 anni, Mario Fratti ha scritto più di 90 testi teatrali che sono stati tradotti in varie lingue e rappresentati in diverse parti del mondo, in più di 600 teatri; testi ispirati anche ad eventi e personalità note, tra i quali si ricordano Che Guevara, Pinochet, il Cile del 1973, Kissinger, Tangentopoli, Obama, la famosa Nine , ispirata al film  8 ½ di Federico Fellini. Suoi grandi maestri d’arte e di vita, confessa egli stesso, sono «Pirandello, per la maschera che ognuno di noi ha, Arthur Miller per l’avidità, e Tennessee Williams per la poesia» (Diario proibito, Napoli, Grauseditore, p.181)

Oggi, Fratti è un uomo pago di aver realizzato e di realizzare ancora quanto la propria volontà ha teso e tende a conseguire. Mai drammaturgo e autore al comando degli altri, attentissimo e paterno maestro dei giovani artisti, è stato sempre attratto dalla realtà, informato sugli eventi del mondo che sono fonte prima della sua ispirazione e della sua riflessione artistica. Ancora oggi, con cadenza settimanale, il noto giornale online italo-americano La voce di New York ospita suoi brevissimi atti unici, piccoli quadri in forma di dialogo, in cui due protagonisti, una donna e un uomo, Chiara e Benito, espongono con pacatezza e senza voler imporsi l’uno sull’altro i propri punti di vista su un evento, su una situazione attuale contingente, informando e formando il lettore su aspetti di essa poco noti, inediti, o talmente scontati da non spingere alla riflessione il lettore che si ferma all’aspetto epidermico delle notizie, sottovalutando la vera essenza della realtà che non si presenta mai univoca. Il più recente, per esempio, sugli islamisti dell’ISIS, a un certo punto recita:

«Chiara: Hanno anche distrutto tutte le statue della madonna.

Benito: Le statue non soffrono. Le donne, le vittime, sì»: da parte dell’autore, una chiara presa di posizione a favore della vita e di chi è creatrice di vita, prima che dell’arte e della religione, in questo caso. Teniamole a mente per meglio “entrare” nei suoi versi.

Ma torniamo a Mario Fratti, oggi ultraottantenne con una verve ancora fortemente giovanile che incanta, e noto al suo pubblico americano e italiano da sempre come drammaturgo. Bene, da due anni, sorprendendo il lettore italiano, Fratti giunge dall’America con due generi letterari diversi dalla drammaturgia: il romanzo e la poesia. Anche nella sua produzione artistica, come accade nella trama dei suoi  drammi, potremmo dire, un finale, (che ci auguriamo lungo e mobilissimo e con ancora tante sorprese) con lo scoppio!

A guardar bene, infatti, Mario Fratti sta applicando, nel disegnare il copione della propria vita, il metodo con cui edifica i suoi drammi. Poche regole -afferma egli stesso in un’intervista-: «Per scrivere un copione che funziona bisogna avere in mente la storia[ il fatto], e sapere da subito come finisce, possibilmente con un colpo di scena che il pubblico non dimenticherà» -una struttura che già piaceva molto a San Bernardino da Siena le cui prediche, costituite da un racconto concreto, breve e accattivante, concentravano nell’ultima frase, a sorpresa, un sano  insegnamento morale-.

Bene, fra i colpi di scena che Fratti ha attuato in questi ultimi due anni, oltre all’avvicendare a sorpresa un romanzo e una silloge poetica, c’è anche l’affermazione che le stesure sia dell’uno che dell’altra risalgono alla propria giovinezza; antecedenti, quindi, sia all’intera sua carriera di drammaturgo sia alla sua stessa emigrazione cólta in America: lo scorso anno, col dissacrante romanzo autobiografico Diario Proibito, sul regime fascista della Repubblica di Salò, ambientato, non realisticamente, all’Aquila; quest’anno con una silloge in versi freschissima di stampa, edita da Tracce di Pescara, dal titolo, concreto ma sfuggente, Volti , che non ha corrispondenza con nessun altro titolo all’interno del libro; un sostantivo plurale indeterminato come indefinibile è il volto nell’immagine di copertina: una specie di cristo mefistofelico, dallo sguardo impenetrabile e dal sorriso enigmatico – ; una lente di ingrandimento, il titolo, che non restringe, tutt’altro, l’angolo visuale del testo, quasi a ripetere con l’Edipo re, che l’uomo è già di per sé un enigma. (Liliana Biondi* /Inform)

* Docente di Critica Letteraria, Università degli Studi dell’Aquila

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform