direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

L’Istituto Italiano Fernando Santi incontra le scuole di Castellana Sicula

GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

 

PALERMO – In occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne si è svolto martedì 25 novembre a Castellana Sicula, nell’aula consiliare del comune, un convegno promosso dal Comune di Castellana Sicula insieme all’Istituto Italiano Fernando Santi e a due istituti scolastici per porre l’attenzione sul fenomeno della violazione dei diritti umani spesso perpetrati nei confronti dei soggetti più deboli, in particolare le donne e i cittadini stranieri.

Ha aperto i lavori l’assessore comunale alle Politiche sociali, Giada Geraci. La parola è poi passata al presidente dell’Istituto Italiano Fernando Santi, Luciano Luciani, che ha introdotto il Piano nazionale d’azione contro il razzismo, la xenofobia e l’intolleranza, approvato lo scorso marzo 2014 dall’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziali) ed ha evidenziato alcune priorità da attuare nel Piano, al fine di rafforzare la cultura dell’antirazzismo, della lotta alla xenofobia e all’intolleranza e favorire così una maggiore tutela dei diritti civili fondamentali.

Quindi il dott. Stefano Maranto, psicologo e progettista dell’Istituto Italiano Fernando Santi, si è soffermato nell’approfondire gli ambiti di intervento previsti dal Piano nazionale: lavoro e occupazione, alloggio, educazione e istruzione, salute, rapporti con la pubblica amministrazione, forze di polizia, sport, mass media e comunicazione.

Durante il convegno si sono susseguiti interventi del personale docente e di vari referenti istituzionali. Infine gli studenti sono intervenuti leggendo riflessioni personali sul tema della violenza sulle donne e la discriminazione etnico-razziale. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform