direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

L’Istituto Italiano di Cultura di Belgrado celebra i 500 anni dalla morte di Raffaello Sanzio

INIZIATIVE

Invito alla condivisione di disegni e/o sensazioni ispirati alla sua opera sui canali social dell’IIC

 

BELGRADO – In occasione del 500 anni dalla morte di Raffaello Sanzio, pittore e architetto, uno degli artisti più celebri del Rinascimento, l’Istituto Italiano di Cultura invita a condividere sui social (Facebook, Instagram e Twitter) disegni e/o sensazioni ispirati alla sua opera utilizzando gli hashtag #Raffaello500 e #Raffaello2020 con la menzione della pagina ufficiale @iicbelgrado. Tutti i post verranno condivisi sulle pagine social dell’IIC e il post condiviso che riceverà il maggior numero di like entro le ore 12 dell’8 aprile verrà premiato con un corso di italiano via web.

L’IIC invita inoltre ad ammirare lo splendore dell’arte di Raffaello attraverso numerosi contenuti disponibili sui suoi canali social.

Le spoglie di Raffaello Sanzio, spentosi ad appena 37 anni a Roma il 6 aprile del 1520, lo stesso giorno della sua nascita a Urbino nel 1483, sono conservate al Pantheon di Roma secondo le sue ultime volontà. Le parole in latino impresse sulla lapide, dedicategli dal cardinale Pietro Bembo, scrittore e umanista, così recitano: “Qui giace Raffaello dal quale, mentre era in vita, la Natura temette di essere vinta e, quando morì, temette di morire anch’essa”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform