direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Libano, i Caschi Blu Italiani impegnati per la prevenzione del cancro

MINISTERO  DELLA DIFESA

 

SHAMA – I Caschi Blu del contingente italiano in Libano supportano quotidianamente le autorità locali anche attraverso la formazione avanzata on-line, di tipo specialistico, sui temi della prevenzione del cancro alla cervice uterina in favore del personale medico libanese operante nell’Area di Responsabilità (AoR) del Comando del Sector West di UNIFIL, settore a guida italiano. Un evento formativo, denominato “Winning cervical cancer in Libano”, si è tenuto nei giorni scorsi nel Quartier Generale di Shama, base che ospita i Peacekeepers italiani, ed è stato ideato e promosso dall’ Associazione Culturale Onlus Cinzia Vitale in stretta collaborazione con l’Università di Trieste e con l’Istituto “Burlo Garofalo” di Trieste, con il coinvolgimento del Contingente Italiano grazie all’intermediazione del Tenente Colonnello Pasquale Giannelli, Ufficiale Medico del battaglione di manovra italiano su base Reggimento Lagunari “Serenissima”. Sono stati sei i medici ginecologi libanesi partecipanti, ai quali si sono uniti gli Ufficiali Medici del Contingente italiano impegnati nella Missione “Leonte XXXI”. Alla conferenza, presenziata dal Generale di Brigata Massimiliano Stecca, Comandante del Settore Ovest di UNIFIL e del Contingente italiano in Libano, hanno preso parte in collegamento remoto, la Dottoressa Roberta Di Lecce, Consigliere dell’Ambasciata d’Italia a Beirut e Vice Capo Missione, il Presidente della “Vitale Onlus”, Dottore Roberto Vitale, il Prorettore Vicario dell’Università degli Studi di Trieste, Professore Valter Sergo e il Professore Uri Wiesenfeld, relatore dell’evento. A dare l’avvio ai lavori è stato il Generale Stecca che, nel suo indirizzo di saluto, ha ringraziato i convenuti e gli organizzatori evidenziando che “…questa giornata, a latere del suo altissimo valore medico e accademico riafferma i valori della pace e della solidarietà oltre che l’importanza di ciascun gesto di aiuto……nell’assoluta convinzione che la vostra illustre presenza ed esperienza porterà un reale e tangibile valore aggiunto”. Lo scopo dell’evento, inserito nel quadro dei progetti in supporto alla popolazione locale, è stato quello di fare acquisire al personale medico partecipante le capacità di osservazione finalizzate alla prevenzione del cancro alla cervice uterina, attraverso tecniche medico-scientifiche avanzate, incrementando in tal modo l’aspettativa di vita delle donne colpite dal problema. La missione Italiana in Libano è attualmente a guida Brigata di Cavalleria “Pozzuolo del Friuli”, al suo sesto mandato nella “Terra dei Cedri” con i colori delle Nazioni Unite, e ha la responsabilità del Settore Ovest di UNIFIL in cui operano 3800 Caschi Blu di 15 dei 46 paesi contributori alla missione ONU e di cui fanno parte circa 1.000 militari italiani. Le attività svolte in Teatro operativo sono condotte sotto il coordinamento e secondo le direttive impartite dal Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI), guidato dal Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform