direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Le sentier de Mel” a Marchin (Belgio)

GEMELLAGGI

Intitolata una via a Mel Borgo Valbelluna, gemellato con il comune belga dal 2017

 

BELLUNO – “Domenica 5 maggio, nella nuova lottizzazione a ridosso del centro della cittadina belga di Marchin, nella regione della Vallonia, è stata intitolata una via a Mel Borgo Valbelluna, gemellato con il comune belga dal 2017. La cerimonia è avvenuta all’interno della Festa dei Gemellaggi organizzata a Marchin lo scorso fine settimana, alla quale hanno partecipato delegazioni provenienti da diversi comuni europei gemellati: Senones (F), Vernio (Po), Vico del Gargano (Fg), Jettingen (D) e Mel Borgo Valbelluna (Bl). Quest’ultimo è stato rappresentato da una delegazione di 8 persone guidata da Sergio Cugnach, consigliere dell’Abm nato a Huy e vissuto a Marchin, e da Stefano Varaschin, presente già in altre occasioni agli incontri tra le due comunità”. Ne dà notizia sul suo sito l’Associazione Bellunesi nel Mondo.

Scrive l’Abm : “È stata particolarmente speciale l’accoglienza calorosa e l’attenzione riservata alle delegazioni da parte di Marchin, coinvolgendo nell’organizzazione dell’evento il proprio staff comunale, la giunta e alcune associazioni locali. Il programma promosso dal comune belga è stato ricco di eventi, incontri ufficiali e conviviali, visite a luoghi di interesse, ma soprattutto di una grande e significativa esperienza di incontro, anche con ex emigranti. Tra i partecipanti vi era Romildo Gasperin, presidente della famiglia di Fleron, e i loro discendenti, che hanno contribuito a rinsaldare i legami tra le persone appartenenti a diverse realtà europee. È stata una dimostrazione concreta di quanto sia importante il valore dei gemellaggi, ancor più in un mondo che si sta sempre più dividendo, come ha ricordato una partecipante.

La via è stata indicata come “Sentier de Mel”; scelta che, come ha precisato il sindaco di Marchin, Adrien Carlozzi, ben caratterizza la posizione di Mel, collocata nel centro della Valbelluna, da cui è possibile intraprendere bellissime camminate ed escursioni lungo numerosi sentieri alla portata di tutti, alla scoperta del suo vasto e bellissimo territorio prealpino. I rappresentanti della delegazione zumellese sono stati soddisfatti ed emozionati per l’onore che è stato loro riservato nello scoprire l’indicazione stradale.

Già nel 2015, a Mel, nella nuova lottizzazione della frazione di Farra, era stata inaugurata Via Marchin, come ha ricordato Sergio Cugnach nel suo intervento, rappresentando un’importante tappa nel lungo percorso iniziato quasi trent’anni fa di viaggi, incontri e scambi tra le due comunità, con eventi sportivi, culturali e ricreativi, che hanno portato successivamente la cittadina zumellese e quella Vallone a stringersi in un patto di gemellaggio. L’unione di Mel con Marchin trae le sue origini dalla numerosa presenza di emigranti zumellesi e, successivamente, bellunesi, quasi un centinaio, arrivati in Belgio nell’immediato dopoguerra per lavorare nella fabbrica di lamiere di acciaio Delloye-Matthieu di Marchin. Il sindaco di Borgo Valbelluna, Stefano Cesa, ha espresso un grande sentimento di riconoscenza verso l’amministrazione e gli amici di Marchin per questo gesto di grande sensibilità nei confronti della popolazione zumellese, testimoniando la volontà di continuare questo percorso di amicizia, forgiato dalle esperienze faticose e sofferte della migrazione di tanti concittadini. Questa grande testimonianza diventa uno stimolo per vivere il gemellaggio con nuove proposte e maggiore entusiasmo. L’intitolazione della nuova via dà ora un nuovo impulso a proseguire il cammino intrapreso, rallentato dalla pandemia di Covid-19, poiché sono proprio le occasioni di incontro e scambio tra le due cittadine a mantenere vivi i rapporti tra le due comunità, sviluppando opportunità di interesse reciproche e mantenendo saldo il legame del gemellaggio”.(Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform