direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Le maestose rovine di Sferopoli”, il 12 febbraio al Volkshaus di Zurigo la presentazione del libro con lo scrittore Michele Mari

CULTURA

Organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura di Zurigo

ZURIGO – Al Volkshaus di Zurigo, il 12 febbraio dalle 19.30, si terrà ad ingresso gratuito un incontro, promosso dall’Istituto Italiano di Cultura di Zurigo, con lo scrittore, accademico e traduttore italiano Michele Mari. Il suo nuovo libro si intitola “Le maestose rovine di Sferopoli” (Einaudi, 2021) ed è una raccolta di racconti che trasferisce a chi legge un entusiasmo le cui sfumature si muovono dal comico al grottesco, dallo storico al personale, dall’invenzione immaginifica a quella linguistica. Dopo la catabasi di “Leggenda privata” (Einaudi, 2021), Michele Mari torna al racconto. Professore di Letteratura italiana presso l’università degli Studi di Milano, nei suoi scritti i temi più ricorrenti sono quelli dell’infanzia e della memoria, che in uno stile ricercato spesso usato in chiave gotica e barocca si ispira al genere horror e a quello della fantascienza. In diversi libri inoltre è evidente la matrice autobiografica e in altri la verità storica si intreccia con l’invenzione fantastica. Traduttore, accompagna all’attività letteraria quella critico-filologica dedicata specialmente alla letteratura italiana del Settecento e Ottocento e ha collaborato con quotidiani come il Corriere della Sera, la Repubblica e Il Manifesto. Tra i suoi numerosi libri si ricordano il testo autobiografico “Leggenda privata” (premio Mondello e premio Brancati 2018) e la raccolta poetica “Dalla cripta” (2019). Per partecipare all’evento è obbligatorio essere in possesso del certificato Covid (vaccinazione completa, guariti o muniti di un test negativo) e anche durante l’evento la mascherina dovrà essere indossata; inoltre è necessaria l’iscrizione per tutte le persone. Per prenotarsi consultare il sito dell’Istituto di Cultura di Zurigo. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform