direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

La trasmissione “Casa Italia” dedica un servizio ad alcune famiglie emigrate a Mar del Plata dall’Emilia-Romagna

RAI ITALIA

 

BUENOS AIRES – A “Casa Italia” dall’Argentina, un servizio di Luigi Maria Perotti per “Storie dal Mondo” dedicato ad alcune famiglie emigrate a Mar del Plata dall’Emilia-Romagna, i Carrara e i Rosselli Lusa, e la storia del ristorante e fattoria didattica “Granja las dos Marias” che cucina piatti della nostra tradizione regionale. Marcelo Carrara (consigliere uscente del CGIE per l’Argentina) si occupa di pubblicità e organizzazione di eventi per la promozione del turismo delle radici. Parla di Mar del Plata come del porto più importante dell’Argentina dove tuttavia c’è una tradizione agricola altrettanto preziosa. “Molti italiani sono venuti qui a lavorare la terra perché abbiamo tutta la pianura delle Pampas dove c’è un’importante coltivazione di patate. Negli ultimi anni, anche con tutto quello che è successo, la gente ha perso un po’ il contatto con il mondo della campagna. Qui alla fattoria, grazie alla famiglia Rosselli Lusa, è possibile invece avvicinarsi a questo mondo con un contatto diretto”, ha spiegato Carrara sottolineando che la casa all’interno della fattoria è di fine ‘800: un’epoca nella quale nel territorio argentino era facile incontrare questi latifondi di alcune famiglie. “Molti italiani arrivati tra fine ‘800 e inizio ‘900 hanno cominciato a lavorare la terra e poco alla volta a comprarla”, ha aggiunto Carrara precisando che questo è quanto avvenuto anche con la propria famiglia paterna, originaria della zona di Piacenza e giunta a Mar del Plata per una tradizione familiare che dura da oltre un secolo. Antonietta Di Lucente, mamma di Marcelo, ha raccontato come in passato emigrare fosse più difficile per la mancanza dei mezzi di comunicazione attuali. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform