direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

La Scuola Italiana di Algeri in linea con la risposta del ministro Gentiloni

LINGUA E CULTURA

Il contributo per la diffusione della Lingua e cultura italiana nel mondo

 

ALGERI – Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, rispondendo  a un’interrogazione della deputata eletta all’estero Fucsia Nissoli, in occasione del question time a Montecitorio, circa il ripristino dei fondi per la promozione della lingua italiana all’estero, ha sottolineato che per gli italiani all’estero “la conoscenza della lingua italiana è fondamentale per mantenere vivo il legame con le nostre radici oltre che essere motivo di orgoglio e di appartenenza”.

In questo contesto si può inserire anche l’importante operato svolto dalle scuole italiane all’estero paritarie che quotidianamente svolgono la funzione di promozione e diffusione della lingua e della cultura italiana nel mondo. Brillante è il caso della Scuola Italiana Roma di Algeri che riceve solo un piccolo contributo ministeriale pari al 3,5% del budget annuale.

La Scuola Italiana di Algeri ha ripreso l’attività didattica, dopo gli anni delicati dal punto di vista sociale che hanno caratterizzato l’Algeria dal 1993 al 2001, grazie al volontariato dell’Associazionismo e ad importanti sponsor che hanno finanziato la riapertura della scuola nel 2005. Da allora la scuola è cresciuta costantemente autofinanziandosi con le rette scolastiche e gli sponsor (purtroppo fortemente ridotti negli ultimi due anni).

L’attività della Scuola Italiana Roma è a vantaggio delle famiglie italiane che per motivi di lavoro devono trasferirsi temporaneamente nel Paese, permettendo alle stesse di restare unite e mantenere i legami con la propria lingua e cultura, nonché con il sistema scolastico italiano.

A beneficiare della scuola sono anche numerosi bambini di nazionalità differenti (francese, russa, svizzera, spagnola, portoghese, belga) inseriti principalmente alla Scuola dell’Infanzia e alla Scuola Primaria. Ė bello constatare come anche i genitori di questi bambini, seguendo i propri figli apprendono a loro volta parole e frasi italiane, ed in generale come la lingua e la cultura italiana siano sempre molto apprezzate e facilmente assimilate. In questo senso la Scuola Italiana Roma svolge concretamente la sua importante missione educativa di promozione e diffusione della lingua italiana, anche grazie alla stampa di un giornalino scolastico “L’ora dei piccoli” dove alunni e docenti si cimentano con le loro penne per raccontare le loro esperienze in un Paese straniero e contribuire alla conservazione della memoria storica della scuola stessa.

L’operato della scuola si manifesta anche con progetti di educazione alla pace e alla multiculturalità per i quali la scuola, per il secondo anno, è stata inserita nella rete scuole associate UNESCO-Italia con la realizzazione del progetto “Educhiamoci insieme” in collaborazione con una Scuola dell’Infanzia del Malawi.

Ė di ieri la comunicazione ufficiale che un’allieva della Scuola Secondaria di II grado si è classificata prima tra i Finalisti Junior per le finali delle Olimpiadi di Italiano che si terranno, tra il 17 e il 19 marzo p.v., a Roma: testimonianza questa dell’ottimo corpo docente che riesce a trasmettere volontà, passione e dedizione allo studio.

Tutto questo, giova ricordarlo, è possibile grazie anche alla collaborazione ottimale del corpo docente che sacrifica la parte remunerativa a vantaggio di un’esperienza  lavorativa unica, in un Paese stimolante e ricco di cultura altra quale l’Algeria.

Forse la chiave del successo è proprio questa: riuscire a trasmettere la bontà e la validità di questa esperienza, dunque l’accettazione di uno stipendio fortemente ridimensionato a fronte di quanto offerto nell’insieme. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform