direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

La Notte europea dei ricercatori rinviata a venerdì 27 novembre a causa dell’emergenza Covid

EVENTI

L’edizione di quest’anno sarà arricchita del progetto “Net”, coordinato dal Cnr e il cui obiettivo è quello di creare una rete attiva fra scienza, cultura e società

ROMA – Si svolgerà il prossimo venerdì 27 novembre la Notte europea dei ricercatori, appuntamento che dal 2005 è programmato per l’ultimo venerdì di settembre ma che è stato ora rinviato per via dell’emergenza Covid. L’edizione di quest’anno è inoltre arricchita da un nuovo progetto coordinato dal Cnr, denominato “Net” e il cui obiettivo è quello di creare una rete attiva fra scienza, cultura e società.

Sono in programma per questa estate una serie di eventi preparatori di “Net”, che terranno alta l’attenzione fino ad allora.

A promuovere la scienza attraverso un’informazione semplice, diretta e coinvolgente, ma allo stesso tempo rigorosa e autorevole, saranno i ricercatori, le istituzioni, il mondo delle associazioni, i protagonisti del mondo della cultura e dell’arte e altri attori che operano sul territorio. “Net” vanta un partenariato scientifico d’eccellenza: al progetto aderiscono, infatti, dieci fra i più importanti Enti pubblici di ricerca ed Università del nostro Paese: Cnr  – che ne è anche il capofila-, Enea, Inaf, Ingv, Ispra, Cineca, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Sapienza Università di Roma, Università degli Studi della Tuscia, Università Telematica Internazionale Uninettuno.

L’idea del progetto “Net” è nata dall’esperienza di ScienzaInsieme, che da due anni vede numerosi enti di ricerca ed università collaborare insieme sui temi della divulgazione, formazione e informazione che avevano già partecipato ad altre edizioni della Notte Europea dei Ricercatori.

La Notte è, infatti, un progetto finanziato da Horizon 2020 con le azioni Marie Sklodowska-Curie, e si svolge tutti gli anni in 400 città dell’Unione Europea, coinvolgendo 1,6 milioni di visitatori, migliaia di ricercatori, centinaia tra istituzioni di ricerca, Università, associazioni e numerosi altri soggetti impegnati nella divulgazione scientifica.

La Notte 2020 di “Net” sarà anticipata da una serie di proposte estive, da fine luglio a settembre, che vedranno impegnati i ricercatori su “Trekking scientifici” urbani e naturalistici, “Aperitivi scientifici”, “Notti di scienza” al Cinevillage di Parco Talenti, e proseguirà in autunno fino ad arrivare al 27 novembre 2020, con una “Notte digitale” (e non solo!) che porterà a conoscere i luoghi della scienza attraverso virtual tour, giochi, caccia al tesoro ed esperimenti, laboratori, conferenze e attività interattive. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform