direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

La Marca (Pd) sul rinvio in Commissione Esteri della proposta di legge sulla istituzione della Giornata nazionale per gli italiani nel mondo

ELETTI CIRCOSCRIZIONE ESTERO

 

ROMA  – In nota la Deputata Francesca La Marca segnala come la proposta di legge sulla istituzione della Giornata nazionale per gli italiani nel mondo, per la quale nell’aula della Camera si è svolta la discussione generale, sia tornata in III commissione a causa del mancato accordo sulla data proposta del 27 ottobre. “La proposta di legge sulla istituzione della Giornata nazionale per gli italiani nel mondo  è tornata in commissione perché la deputata di Forza Italia del Nord e Centro America e quello della Lega non hanno concordato sulla data proposta del 27 ottobre”, rileva La Marca che aggiunge “devo ricordare che la data del 27 ottobre, che richiama l’istituzione dell’Aire, era stata proposta dagli uffici della commissione come una data di compromesso e di incontro tra le diverse soluzioni sul tappeto”.

La Marca segnala inoltre come l’ipotesi alternativa portata avanti dai rappresentanti di alcune forze di opposizione sia quella di far coincidere la ricorrenza con la data della scoperta dell’America, alla quale è connesso il Columbus Day. “Ho già dichiarato ripetutamente – afferma in proposito La Marca – che considero ingiustificati gli attacchi che vengono rivolti soprattutto in Usa al significato che la scoperta dell’America ha assunto nel tempo e, soprattutto, alla celebrazione dell’emigrazione italiana in Usa, che è fatta di lavoro, di emancipazione e di contributo allo sviluppo di quel grande Paese. Tuttavia, come firmataria del testo base sul quale la proposta è stata definita, ritengo sia un errore utilizzare la Giornata per gli italiani nel mondo, che per sua natura deve essere un’occasione di unanime riconoscimento dell’emigrazione italiana e di coesione dentro e fuori i confini nazionali, per prendere parte a una polemica divisiva. La Giornata, in questa maniera, –  aggiunge La Marca – nascerebbe con un segno di divisione, contraddicendo lo scopo che invece si prefigge. Tra l’altro, abbiamo bisogno di mandare un messaggio positivo a tutta l’emigrazione italiana, vecchia e nuova, in ogni parte del mondo, e non solo a quella pur importante presente negli Stati Uniti”. “Da parte mia, – conclude La Marca – rivolgo un appello a tutti affinché, nel più breve tempo possibile, si giunga ad una soluzione condivisa”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform