direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

La FREMM Antonio Marceglia si addestra con la fregata INS Tabar della Marina indiana

MARINA MILITARE

ROMA – Professionalità ed interoperabilità tra Marine, questi gli elementi fondamentali dell’attività condotta dalla fregata Antonio Marceglia con l’unità della Marina indiana Tabar, tra il 4 e il 5 luglio nelle acque del mar Tirreno. L’addestramento – pianificato in modo congiunto dagli staff delle unità coinvolte – ha previsto lo svolgimento di manovre cinematiche semplici e complesse, approcci propedeutici allo svolgimento di rifornimento in mare, scambi di comunicazioni mediante l’impiego di segnali tattici a lampi di luce e bandiere, impiego delle procedure per il contrasto alla minaccia aerea ed operazioni di volo con gli elicotteri dell’aviazione navale imbarcati sulle due Unità.

Tali attività, definite nel gergo navale “PASSEX”, ovvero “esercitazioni di passaggio”, si svolgono quando due unità militari appartenenti a differenti Marine si incontrano in mare ed hanno lo scopo di collaudare procedure comuni in un contesto addestrativo internazionale, contribuendo in sintesi al mantenimento della capacità operativa delle unità della Squadra navale ed alla cooperazione internazionale. Detta tipologia di attività assume ancor maggiore rilevanza quando si svolge con unità navali non appartenenti alla NATO, ovvero in un contesto dove le procedure consolidate sono minori rispetto a quanto usualmente avviene nell’ambito dell’Alleanza.

Una preziosa opportunità quindi al fine di implementare le capacità e il livello di cooperazione, rafforzando la coesione, durante le fasi di rientro nel Mediterraneo di nave Marceglia da un intenso periodo di attività internazionale in Oceano Atlantico e nei Mari del Nord, dove l’Unità – inquadrata nei dispositivi NATO – ha rappresentato l’Italia all’esercitazione At Sea Demonstration/Formidable Shield 21 ed alla BALTOPS 50.

Nave Marceglia, con i suoi 144 metri e 190 elementi tra uomini e donne di equipaggio, è l’ottava fregata della classe FREMM (Fregata Europea Multi-missione) e la quarta in configurazione General Purpose (GP). Costruita nei cantieri navali di Genova e La Spezia e consegnata alla Marina Militare nel 2019, la fregata soddisfa i requisiti di missione di un ampio ventaglio di operazioni marittime tra cui la difesa della patria, il controllo degli spazi marittimi di interesse nazionale e la proiezione di capacità dal mare e sul mare. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform