direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

La Commissione Esteri ha avviato l’esame del provvedimento di ratifica ed esecuzione dell’Accordo di coproduzione cinematografica tra Italia e Messico

CAMERA DEI DEPUTATI

 

Ad illustrare il testo la relatrice Lia Quartapelle Procopio (Pd)

 

ROMA – La Commissione Esteri della Camera dei deputati ha avviato l’esame del provvedimento di ratifica ed esecuzione dell’Accordo di coproduzione cinematografica tra Italia e Messico, con allegato, fatto a Roma il 17 ottobre 2017.

Ad illustrare il testo la relatrice Lia Quartapelle Procopio (Pd) che segnala come lo scopo dell’intesa sia quella di rinnovare e rafforzare i rapporti cinematografici bilaterali previsti dal precedente Accordo di coproduzione cinematografica risalente al 1971.

La nuova intesa, che sostituisce la precedente, ha l’obiettivo di adeguare la disciplina bilaterale in materia cinematografica alle attuali esigenze tecnico-artistiche e alla moderna normativa di settore, dando altresì impulso all’industria cinematografica delle due parti. Consente inoltre alle coproduzioni realizzate di essere considerate quali opere nazionali dai rispettivi Paesi e di godere i benefici previsti per le opere di produzione nazionali.

La relatrice evidenzia che, analogamente ad altri accordi già conclusi da parte italiana, il testo in esame pone le medesime condizioni per l’accesso ai benefici previsti dalle rispettive leggi nazionali, nell’intento di offrire un valido strumento normativo d’incentivo alla realizzazione di opere cinematografiche in regime di coproduzione estera. Rispetto alla normativa precedente, s’intende pervenire ad una regolamentazione giuridica più rispondente alle moderne esigenze tecniche dell’intera filiera cinematografica, recependo, nel contempo, le disposizioni di una normativa di settore fortemente mutata negli anni. Il nuovo Accordo, pertanto, prevede facilitazioni e agevolazioni volte a tale fine.

Dopo aver precisato che l’accordo non si pone in contrasto con la disciplina nazionale del cinema e dell’audiovisivo, che prevede l’intervento pubblico a sostegno di questo settore attraverso la promozione di coproduzioni internazionali nonché la circolazione e la distribuzione della produzione cinematografica e audiovisiva, italiana ed europea, in Italia e all’estero, la relatrice auspica una sua rapida approvazione, visto che l’intesa “consentirà di agevolare l’interscambio e la collaborazione culturale tra i due Paesi, fornendo, altresì, opportunità di intervento all’intera filiera cinematografica”. Il seguito dell’esame viene quindi rinviato ad altra seduta. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform