direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Italia e Serbia durante la Prima Guerra Mondiale”, il 4 dicembre tre tavole rotonde a Belgrado con storici serbi e italiani

STORIA

Convegno internazionale all’Accademia Serba delle Scienze e delle Arti organizzato con l’Università di Bari “Aldo Moro” e l’Istituto Italiano di Cultura. Patrocinio dell’ Ambasciata italiana in Serbia

 

 

BELGRADO – In occasione del centenario dell’entrata dell’Italia nella Prima Guerra Mondiale, l’Istituto di Studi balcanici dell’Accademia Serba delle Scienze e delle Arti di Belgrado – con il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Bari “Aldo Moro” e l’Istituto Italiano di Cultura – organizza un convegno internazionale dedicato all’analisi delle relazioni italo-serbe durante il conflitto. Al convegno , dal titolo “Italia e Serbia durante la Prima Guerra Mondiale”, sono previste tre tavole rotonde con docenti e storici italiani e serbi su altrettanti aspetti specifici dei rapporti fra i due Paesi nelle varie fasi della guerra, dal confronto con le altre potenze all’inizio dei combattimenti alla questione jugoslava all’indomani della conclusione della guerra. L’evento – che si svolgerà il 4 dicembre Accademia Serba delle Scienze e delle Arti (Knez Mihailova 35 ) – è patrocinato dall’Ambasciata d’Italia in Serbia.

Programma delle tavole rotonde.

Alla prima tavola rotonda – “Italia e Serbia alla prova della Grande Guerra”- interverranno : Dušan Bataković, direttore dell’Istituto di Studi balcanici, su “La Grande Guerra della Serbia 1914-1918”; Luca Riccardi , docente di Storia delle Relazioni internazionali all’Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale, su “La politica estera italiana e la prima guerra mondiale: riflessioni e valutazioni”.

Alla seconda tavola rotonda – Italia e Serbia e le grandi potenze di di fronte alla questione jugoslava” – interverranno : Milan Ristović , docente di Storia contemporanea all’Università di Belgrado su “Gli Imperi centrali e la questione jugoslava”; Luciano Monzali, docente di Storia delle Relazioni internazionali e di Storia dei Paesi del Mediterraneo all’Università di Bari “Aldo Moro” su “Sidney Sonnino, la politica estera italiana e la questione serba”; Vojislav Pavlović, Istituto di Studi balcanici su “Nikola Pasić e la politica estera serba, dalla Serbia alla Jugoslavia”;

Gorazd Bajić, Istituto Sloveno di Ricerche di Trieste e Università di Maribor, su “Il patto di Londra e la questione jugoslava”; Francesco Caccamo, docente di Storia dell’Europa orientale all’Università degli Studi “G.D’Annunzio”, Chieti-Pescara; su “L’Italia e il problema dell’unione serbo-montenegrina”.

Alla terza tavola rotonda – “Italia e Serbia e la ricerca del nuovo ordine balcanico” – interverranno: Miloš Ković, docente di Storia, Università di Belgrado, su “L’Italia, la Serbia e l’esodo dell’esercito serbo attraverso l’Albania”; Dušan Fundić, Istituto di Studi balcanici, su “Il nodo albanese nei rapporti serbo-italiani”; Rosario Milano, Università di Bari “Aldo Moro”, su “L’Italia, le grandi Potenze, la Serbia e il problema albanese”; Milovan Pisarri, Dipartimento di Studi Storici dell’Università “Ca’ Foscari” di Venezia, su “ L’Italia, la Serbia e l’intervento in guerra della Bulgaria”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform