direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Italia ante Covid”  a Castel del Monte

CULTURA

Il nuovo libro di Goffredo Palmerini sarà presentato il 20 agosto

L’autore ci porta a conoscere il “suo” Abruzzo. Tra passato e presente, tra  Italia e America del Sud e del Nord. Nel volume storie di abruzzesi all’estero ancora misconosciute

L’AQUILA – Ancora un appuntamento vede protagonista il nuovo libro di Goffredo Palmerini “Italia ante Covid” (One Group Edizioni). Sarà a Castel del Monte (L’Aquila), giovedì 20 agosto alle ore 18 presso il Teatro Giuliani, in un evento patrocinato dalla Municipalità. Alla presentazione del volume interverranno Luciano Mucciante, sindaco di Castel del Monte, Fulgo Graziosi, giornalista e scrittore, Francesca Pompa, presidente One Group Edizioni e l’autore del volume Goffredo Palmerini.

Annota tra l’altro nella sua Prefazione al volume Benedetta Rinaldi, giornalista e conduttrice televisiva che per molti anni ha curato in RAI programmi di servizio per gli italiani nel mondo (Italia chiama Italia, Community): “Solo gli occhi di un innamorato sanno vedere tracce dell’amata in ogni minimo dettaglio, per gli altri magari minuscolo o insignificante. Questa nuova fatica letteraria di Goffredo Palmerini, amico prima che giornalista e scrittore, è l’ennesima dichiarazione d’amore alla terra d’Abruzzo che è stata, è e sarà la sua amata. Goffredo in questo suo libro ci porta per mano a conoscere il “suo” Abruzzo. Lo fa gentilmente ma anche in maniera imprevedibile fra passato e presente, fra Italia e America del Sud e del Nord […]. L’occhio attento di Goffredo Palmerini scova storie di abruzzesi all’estero ancora misconosciute: giovani della nuova emigrazione che ricalcano, seppure con modi e professioni diverse, le orme delle migliaia di conterranei partiti decine e decine di anni fa. Racconti di inventiva e di successo, non privi di sofferenze e bruschi distacchi. […]”. Benedetta Rinaldi sarà relatrice nella presentazione del libro a Roma, dopo l’estate.

Intanto numerosi appuntamenti di presentazione sono previsti, a cominciare dal prossimo mese di settembre, a Sulmona, Roma, Lecce, Matera, Torino, altri ancora in via di definizione. Ordinazioni all’edizione speciale del libro, con la dedica dell’Autore giungono direttamente all’editore One Group dall’Italia e dall’estero, attraverso la landing page my-landingpage.com/italia-ante-covid/. Il volume, 374 pagine (15 euro), ha una veste grafica particolarmente curata e 301 splendide immagini in bianco e nero a corredo dei capitoli.

Ora qualche annotazione sul grazioso borgo che ospita l’evento. Castel del Monte, si offre di fronte, salendo lungo i tornanti che già hanno fatto ammirare Santo Stefano di Sessanio e Calascio, con l’esposizione delle sue suggestive architetture. E’ classificato tra i 271 Borghi più belli d’Italia dal club che li riconosce, certificandone le singolari bellezze, nel quale l’Abruzzo ne vanta ben 23. Esposto sulle pendici del monte Bolza, a 1346 metri d’altitudine, Castel del Monte è l’avamposto abitato più elevato nei contrafforti del Gran Sasso d’Italia.

Castel del Monte, ora 434 abitanti, fino alla prima metà del Novecento era un paese molto più popolato (nel 1921 contava 3.188 abitanti). La sua economia fondava sulla pastorizia, che vantava fino a 50 mila capi di pecore, e sulla produzione della lana. Da qui, in settembre, scendevano le greggi verso il Tratturo magno che dall’Aquila portava milioni di pecore a svernare nella Capitanata di Foggia. Per i pastori in transumanza una storia plurisecolare di fatiche, di ataviche tradizioni, di commistioni culturali.  Per i grandi armentari e proprietari del latifondo montano una storia di ricchezze, prosperate con i prodotti dell’allevamento e con i commerci della lana. Una storia di sacrifici e floridezze, che tuttavia avrebbe avuto fine nel secondo dopoguerra, con la crisi della produzione della lana causata dall’arrivo sul mercato di lane più competitive e delle fibre sintetiche. La transumanza prese dunque altre strade, questa volta non i tratturi ma quelle dell’emigrazione. E come tutti i paesi dell’entroterra abruzzese anche Castel del Monte alimentò il fiume migratorio verso il nord e sud America, verso l’Australia e nella vecchia Europa. Anzitutto la Francia e il Belgio. Proprio in Belgio, nella più tremenda tragedia mineraria che l’8 agosto 1956 a Marcinelle fece 262 vittime – 136 erano italiani e tra essi ben 60 abruzzesi – pure Castel del Monte diede il suo tributo di dolore, con due morti nel rogo di Bois du Cazier. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform