direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Interrogazione a prima firma Federica Onori (M5S, ripartizione Europa) sulla conversione in Italia delle patenti di guida conseguite in Gran Bretagna: scade a fine 2022 la proroga della validità in Italia delle patenti britanniche

CAMERA DEI DEPUTATI

(Fonte immagine Camera dei Deputati)

ROMA – La deputata Federica Onori (M5S, ripartizione Europa) ha presentato in qualità di prima firmataria un’interrogazione al ministro degli Esteri, Antonio Tajani, al ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi e a quello delle Infrastrutture, Matteo Salvini sulla conversione in Italia delle patenti di guida conseguite in Gran Bretagna.

Onori ricorda che, con l’entrata in vigore il 1° febbraio 2020 dell’Accordo di recesso, il Regno Unito ha formalmente lasciato l’Unione europea divenendo Paese terzo, in seguito all’esito del referendum sulla permanenza nell’Unione, e che “ad oggi, restano aperte e ancora da disciplinare compiutamente svariate questioni dal concreto impatto sulla vita di numerosi cittadini”. Tra esse, vi è appunto la conversione delle patenti di guida. In particolare – ricorda Onori, “fintanto che il Regno Unito è stato membro dell’Ue i suoi cittadini potevano guidare negli altri Paesi dell’Unione europea con la patente conseguita in patria”, cosa che è ancora possibile in Italia fino al 31 dicembre 2022, grazie ad una circolare del Ministero dell’Interno del dicembre scorso che ha prorogato fino a fine anno validità delle patenti britanniche possedute da persone residenti in Italia. I connazionali che vogliono guidare in Uk devono invece sostenere di nuovo gli esami di guida, fatto salvo il caso in cui la patente sia stata conseguita in Italia e poi convertita.

“In assenza di tempestive misure, dunque, le patenti di guida dei cittadini britannici residenti in Italia dal 31 dicembre 2022 non saranno più valide – segnala la deputata, chiedendo ai Ministri interrogati quali iniziative intendano adottare nell’immediato “per evitare che dal 31 dicembre 2022 numerosi cittadini britannici residenti in Italia si trovino nell’impossibilità di poter guidare, con il rischio per molti di perdere anche il lavoro”. Onori chiede anche se “non si ritenga opportuno negoziare con urgenza un accordo bilaterale di conversione delle patenti con il Regno Unito al fine di definire in maniera compiuta e nel lungo termine la vicenda in oggetto”. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform