direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Indagine Eurispes: Province, il 61,5 % degli italiani le vuole abolire

INDAGINI EURISPES

 

ROMA – Si discute in Senato il ddl Delrio sull’abolizione delle Province. L’approvazione del decreto ha incontrato difficoltà nelle votazioni di ieri, che hanno visto il Governo andare sotto due volte in Commissione, tanto che oggi si è deciso di porre la fiducia sulla votazione. “Eppure  la maggioranza degli italiani non ha dubbi: le Province vanno abolite” dice Gian Maria Fara, presidente dell’Eurispes (http://eurispes.eu), facendo riferimento all’indagine realizzata dall’Istituto . L’indagine ha rilevato quest’anno “un orientamento netto su questo argomento”. Se i favorevoli erano il 46,6% nel 2011, a tre anni di distanza l’indagine evidenzia un aumento significativo di quanti approvano la riforma (61,5%). Allo stesso tempo si è ridotto il numero dei contrari dal 38,5% del 2011 al 25,6% del 2014, così come è diminuita la quota di quanti non si esprimono a riguardo (dal 14,9% al 12,9%). Rispetto all’indagine 2011, nel 2014 la geografia del consenso ha subito una significativa mutazione, spostando il proprio baricentro verso il Nord. Se in passato erano più favorevoli i residenti nel Centro e nel Sud, uniche aree geografiche a superare la soglia del 50%, oggi il primato dei “sì” spetta al Nord-Ovest (72%), seguito dal Centro (67,1%) e dal Nord-Est (62,1%); il Sud chiude la graduatoria (45,5%), scavalcato anche dalle Isole (dove il consenso è salito dal 35,9% al 58,9%).

Relativamente alla classificazione per area politica si nota come, a fronte di una generalizzata tendenza all’incremento della quota di prevalenza dei consensi, il centro abbia mantenuto sostanzialmente stabile il proprio orientamento, mentre il centro-destra e la destra hanno fatto registrare il maggiore incremento dei consensi: il primo appare oggi come l’area più favorevole all’abolizione delle Province (73% a fronte del 46,3% del 2011); una netta inversione di tendenza si riscontra nel secondo, passato da costituire l’unica area politica con orientamento contrario (46,8% di “no” contro il 42,6% di “sì”, nel 2011) a costituire il terzo schieramento per consensi (68,7%), dopo il centro-destra e il centro-sinistra (69,6%). Tale mutamento negli orientamenti ha portato il centro a transitare dal primo all’ultimo posto – fra le aree politiche di riferimento – per quota di consensi espressi, facendo segnare anche il valore più alto dei contrari (26,3%).

“Se il Ddl dovesse essere approvato, i vantaggi economici per le casse statali sarebbero notevoli: un risparmio di circa 7,7 miliardi di euro –  spiega Fara – Si tratta di un dato che ipotizza comunque il re-impiego del personale dipendente in altre Amministrazioni o Istituzioni locali e che tiene anche in considerazione l’aumento della spesa pubblica per il trasferimento delle funzioni delle Province ad altri Enti”.(Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform