direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Inaugurata al museo Puškin di Mosca la mostra “Da Tiepolo a Canaletto e Guardi”

RETE DIPLOMATICA

E’ intervenuto l’Ambasciatore d’Italia Pasquale Terracciano. L’esposizione rimarrà aperta fino al prossimo 14 ottobre

MOSCA – L’Ambasciatore d’Italia a Mosca Pasquale Terracciano ha inaugurato lo scorso 23 luglio al Museo Puskin di Mosca la mostra “Da Tiepolo a Canaletto e Guardi”, uno degli eventi culturali di maggior rilievo mai realizzati dall’Italia in Russia sia per il numero e il valore delle opere presenti, sia per il suo significato scientifico, che le attribuisce un posto di primissimo piano nell’intera storia internazionale delle mostre dedicate al Settecento veneziano. Patrocinata dall’Ambasciata d’Italia a Mosca con il supporto della società MondeMostre, la retrospettiva, si chiuderà il prossimo 14 ottobre.  “La mostra offre una visione panoramica del Settecento veneto e ci attendiamo un sicuro successo dal colto e appassionato pubblico russo e un’ampia risonanza sui media”, ha dichiarato l’Ambasciatore Terracciano.

L’esposizione presenta al pubblico una raccolta di capolavori assoluti di Maestri indiscussi dell’arte pittorica italiana come Giambattista Tiepolo, Giambattista Pittoni, Luca Carlevarijs, Giambattista Piazzetta, Canaletto, Francesco Guardi e Pietro Longhi. Il tutto in ben 57 opere, di cui 23 del Museo Civico di Palazzo Chiericati di Vicenza, 25 del Museo Pushkin e 9 delle Gallerie d’Italia, Palazzo Leoni Montanari. All’inaugurazione hanno partecipato la Direttrice del Museo Puškin Marina Lošak, i curatori, Prof. Giovanni Carlo Federico Villa, Direttore onorario dei Musei Civici di Vicenza, la Dott.ssa Vittoria Markova e la Vice Direttrice di Banca Intesa Olga Lein (Banca Intesa San Paolo e Intesa Russia sono sponsor dell’iniziativa). (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform