direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

In Commissione Esteri l’esame del provvedimento di ratifica ed esecuzione dell’Accordo tra Italia e Costa Rica sullo scambio di informazioni in materia fiscale

CAMERA DEI DEPUTATI

Il contenuto illustrato dalla relatrice Francesca La Marca (Pd, ripartizione America settentrionale e centrale)

 

ROMA – Avviato in Commissione Affari Esteri alla Camera dei Deputati l’esame del provvedimento di ratifica ed esecuzione dell’Accordo tra Italia e Costa Rica sullo scambio di informazioni in materia fiscale, con allegato, fatto a Roma il 27 maggio 2016.

Ad illustrarne il contenuto la relatrice Francesca La Marca (Pd, ripartizione America settentrionale e centrale), che ha ricordato come il testo sia stato redatto sulla base del modello TIEA (Tax Information Exchange Agreement) predisposto dall’Ocse nell’aprile 2002 per quegli Stati che, in ragione del ridotto interscambio commerciale, non ritengono necessario stipulare una convenzione contro le doppie imposizioni.

Le imposte italiane oggetto dell’Accordo sono: l’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef), l’imposta sul reddito delle società (Ires), l’imposta regionale sulle attività produttive (Irap), l’imposta sul valore aggiunto (Iva), l’imposta sulle successioni, l’imposta sulle donazioni e le imposte sostitutive.

Tra le disposizione richiamate quelle sulle modalità di richiesta delle informazioni fiscali, prodotte anche sotto forma di deposizioni di testi e di copie autentiche di documenti originali; sul superamento del segreto bancario, conformemente all’obiettivo prioritario della lotta all’evasione e agli standard Ocse in materia; sulla possibilità di effettuare sui rispettivi territori interrogatori di persone ed esami di documenti; sui casi in cui è consentito il rifiuto di una richiesta di informazioni, ad esempio quelli in cui la divulgazione delle informazioni richieste è contraria all’ordine pubblico.

La Marca sottolinea inoltre come il Costa Rica sia “membro delle principali Organizzazioni internazionali e in molte di esse si adopera per assumere un ruolo di protagonismo che va oltre le sue ridotte dimensioni geopolitiche”, ricordando a tal proposito l’impegno in materia di protezione diritti umani, dell’ ambiente, contro la pena di morte, ed altri. Le sue relazioni bilaterali con l’Italia sono “tradizionalmente caratterizzate da una grande vicinanza e collaborazione, in tutti i campi in cui esse si manifestano, economico/commerciale, culturale, politico – rileva la relatrice, sottolineando anche “il gran numero di aziende di origine italiana” presenti in Costa Rica che contribuiscono ad “un’elevata diffusione di prodotti e marche italiane nei più disparati settori, dall’alimentare alla moda, fino all’automotive”.

Auspica pertanto una rapida approvazione del documento.

Si associa alle osservazioni della relatrice il sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova.

Il presidente della Commissione, Fabrizio Cicchitto, non essendo pervenute richieste di intervento, dichiara concluso l’esame preliminare del provvedimento, che sarà trasmesso alle Commissioni competenti per l’espressione dei pareri. Rinvia quindi il seguito dell’esame ad altra seduta. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform