direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

In Aula il ministro degli Esteri risponde ad un’interrogazione di Renata Bueno (Misto) sulle procedure relative al voto degli italiani all’estero

CAMERA DEI DEPUTATI

Angelino Alfano: “Rafforzata ulteriormente la tutela di ogni singola fase del procedimento di voto con un nuovo insieme di misure”

 

ROMA – Il ministro degli Esteri e della Cooperazione internazionale, Angelino Alfano, ha risposto alla Camera dei Deputati ad un’interrogazione di Renata Bueno (Misto, eletta nella ripartizione America meridionale), relativa ad iniziative volte a garantire la correttezza delle procedure relative al voto degli italiani all’estero.

Alfano ha richiamato le specifiche procedure relative all’invio delle schede elettorali e alla ricezione delle schede votate che garantiscono la libertà e segretezza all’esercizio del voto per corrispondenza.  Tali schede sono quindi spedite a Roma per le operazioni di spoglio, effettuate simultaneamente a quelle delle schede votate in Italia. Nei Paesi dove non vi sono le condizioni per votare per corrispondenza, la legge – ha ricordato Alfano – prevede sistemi di rimborso a favore dei connazionali che vi risiedono e desiderano venire a votare in Italia.

La Farnesina è da sempre pienamente impegnata per assicurare la regolarità del voto all’estero – assicura Alfano, precisando come il Ministero della Giustizia abbia confermato la non risultanza di pendenti procedimenti penali sui fatti relativi alle elezioni del 2013. “Ho ritenuto comunque, in vista delle prossime tornate elettorali, di rafforzare ulteriormente la tutela di ogni singola fase del procedimento di voto con un nuovo insieme di misure: molte di esse sono dirette proprio ad aumentare il grado di tutela delle operazioni di spedizione, restituzione e custodia del materiale elettorale. Stiamo, in particolare – segnala il Ministro, – per invitare le nostre sedi diplomatico-consolari a predisporre un contratto più stringente con il vettore postale; a prevedere nuove modalità di consegna dei plichi; a verificare ipotesi di tracciabilità che permettano di monitorare ogni singola fase del procedimento di spedizione e a redigere appositi verbali di consegna e presa in carico del materiale tra sede e vettore”.

“Le specifiche istruzioni che stanno per essere diramate ai nostri uffici all’estero saranno seguite da un’attenta e costante azione di monitoraggio, per verificarne la rigorosa applicazione, tenendo naturalmente conto – precisa Alfano – delle specificità locali”.

In sede di replica, Bueno ringrazia il Ministro per l’impegno di mostrato verso le collettività all’estero e auspica da parte di quest’ultima una partecipazione al voto che possa superare anche il 30% degli aventi diritto. “Se riusciamo a dare più sicurezza al voto, sicuramente – afferma Bueno – gli elettori all’estero parteciperanno sempre di più”. “Noi abbiamo ricevuto già nel 2013 – ricorda – molte lamentele di cittadini, di elettori, che non hanno ricevuto le schede: perciò vogliamo dare a queste persone, che vogliono esercitare la loro cittadinanza, la certezza di poter effettivamente esprimere il loro voto per il Parlamento”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform