direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il sottosegretario Pucciarelli sull’incontro a La Spezia tra Università di Genova, Marina Militare e Comune sulla possibilità di creare una ‘vasca oceanica’ per prove sperimentali di laboratorio

DIFESA

 

LA SPEZIA – Si è svolto al Palazzo comunale di La Spezia un incontro tra Università degli Studi di Genova, Comune della Spezia e Marina Militare sulla possibilità di creare una ‘vasca oceanica’ per prove sperimentali di laboratorio. A segnalare l’iniziativa il sottosegretario alla Difesa Stefania Pucciarelli, che ha favorito l’incontro per “una prima analisi generale congiunta sull’ipotesi promossa dall’Università circa la possibilità di creare una ‘vasca oceanica’ per prove sperimentali di laboratorio delle forze agenti su una struttura marina o scafi navali soggetti all’azione del mare in un contesto simulato di portata oceanica”.

Nella nota diffusa in proposito Pucciarelli sottolinea che si tratterebbe di “una infrastruttura di valore strategico che, ove realizzabile e realizzata, farebbe dell’area spezzina un unicum in campo nazionale, dato che ad oggi l’Italia dispone di vasche di sperimentazione della Marina Militare e del Consiglio Nazionale delle Ricerche, ma con strutturali limitazioni non su scala oceanica”.

All’evento, tenutosi in modalità ibrida, con un video collegamento da Roma, hanno partecipato una rappresentanza del Comune capeggiata da Genziana Giacomelli, vice sindaco e assessore al Lavoro, Sviluppo economico, Formazione professionale, Politiche comunitarie, Università e Ricerca; rappresentanti dell’Università di Genova, con Paola Gualeni, ordinario presso il Dipartimento di Ingegneria Navale, Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni, e presidente del Comitato tecnico scientifico delle Distretto Ligure delle Tecnologie Marine; Sauro Gazzoli della Fondazione Promostudi; e la Marina Militare, che ha partecipato con ufficiali del Reparto Infrastrutture e Logistica dello Stato Maggiore di Roma e del Comando Militare Marittimo Nord con sede a La Spezia.

“Il confronto ha consentito all’Università di Genova di presentare la propria idea progettuale, che in prima istanza – spiega Pucciarelli – ipotizza la realizzazione del plesso mediante adattamento dei già esistenti invasi all’interno dell’area dell’Arsenale Militare Marittimo (le cosiddette Vasche di San Vito), senza però escludere soluzioni alternative in altre aree della città, e di sottoporlo ad una valutazione collegiale focalizzando l’attenzione sui relativi elementi di macro-fattibilità e sulle potenziali criticità associate”.

“Ho apprezzato molto lo spirito aperto e costruttivo con cui i presenti si sono resi disponibili ad approfondire il tema e sono stata molto lieta nel registrare l’unanime soddisfazione per gli esiti dell’incontro, risultato pienamente funzionale agli obiettivi prefissati nella misura in cui ha fatto emergere significative criticità relativamente alla magnitudine delle opere infrastrutturali da realizzare – ad esempio i dragaggi per disporre di fondali di almeno 6 metri e la copertura reticolare soprassuolo di almeno 5 metri per la sistemazione dei carroponte da cui sospendere i modelli da sperimentare –, nonché alle verosimili limitazioni gravanti sulla fattibilità dell’ipotesi Vasche San Vito – in primis i plausibili vincoli della Sovrintendenza Archeologica, Belle arti e Paesaggio circa l’interesse storico e culturale degli invasi la cui costruzione risale agli anni 1862-1868 – e, non da ultimo, alla necessità di reperirne le correlate risorse finanziarie, ingenti e al momento indisponibili all’Ateneo, monitorando eventuali bandi, anche europei, legati alle infrastrutture per la ricerca. A questo primo incontro – fa sapere il Sottosegretario – seguiranno circostanziati approfondimenti congiunti per individuare aree alternative dello spezzino ove potrebbe risultare realizzabile l’opera anche in configurazione ex novo”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform